Fermati col bottino dopo un furto in abitazione: arrestati - Tuttoggi

Fermati col bottino dopo un furto in abitazione: arrestati

Redazione

Fermati col bottino dopo un furto in abitazione: arrestati

Mer, 30/11/2022 - 09:38

Condividi su:


Le indagini continuano per appurare se siano responsabili anche di altri colpi

Furto in abitazione a Bastia Umbra dopo aver forzato una finestra, qualcuno allerta le forze dell’ordine e i ladri vengono arrestati mentre tentano di svignarsela sulla Centrale Umbra. Si tratta di due cittadini di nazionalità albanese, incastrati – oltre che dal bottino nell’auto – anche da altro materiale nella loro abitazione. I due ladri sono ora “ospiti” del carcere di Capanne, e le indagini continuano per appurare se possano essere i responsabili di altri furti in abitazione compiuti nei mesi scorsi.

A operare i carabinieri del reparto operativo – nucleo investigativo di Perugia hanno arrestato i due per il reato di furto in abitazione in concorso. Secondo la ricostruzione dell’Arma, la segnalazione è arrivata nella serata di sabato, un furto in abitazione di Bastia Umbra commesso dopo aver forzato una finestra. Le ricerche immediatamente scattate hanno portato all’individuazione di un veicolo sospetto.

I Carabinieri hanno così monitorato l’auto, procedendo al suo controllo, in sicurezza, solamente una volta giunta a Perugia. La perquisizione veicolare e personale degli occupanti ha consentito di rinvenire la somma contante di 2750 €, 5 anelli, 4 paia di orecchini, 2 bracciali e 2 collane, 3 occhiali di valore oltre ad attrezzature verosimilmente usata per accedere all’interno delle abitazioni, come torce, pinze, dischi per frollino e scalda collo. Parte della refurtiva rinvenuta è stata riconosciuta dalle vittime, per il resto sono in corso accertamenti finalizzati a comprendere i legittimi proprietari.

Le perquisizioni successivamente condotte presso le abitazioni dei due fermati hanno portato poi al sequestro di ricetrasmittenti e cerca frequenze – per effettuare le bonifiche veicolari ed ambientali – una smerigliatrice e di recuperare altri oggetti di provenienza sospetta, come orologi, collane, anelli e capi di abbigliamento. Durante la perquisizione infine i Carabinieri hanno trovato abilmente occultato, in un vano creato “ad hoc”, un panetto di cocaina dal peso di oltre 600 grammi.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!