Fase 2 Coronavirus, oratori e centri estivi ci saranno: l'accordo tra Diocesi e Comune

Fase 2 Coronavirus, oratori e centri estivi ci saranno: l’accordo tra Diocesi e Comune

Redazione

Fase 2 Coronavirus, oratori e centri estivi ci saranno: l’accordo tra Diocesi e Comune

Don Riccardo Pascolini: porte aperte, non solo virtualmente, nel rispetto della sicurezza
Dom, 10/05/2020 - 09:59

Condividi su:


Pur con le modalità che saranno consentite dall’emergenza Coronavirus, nella Fase a Perugia oratori e centri estivi ci saranno. Rinnovato il protocollo d’intesa tra il Comune di Perugia e l’Archidiocesi per la realizzazione di progetti e azioni condivise in ambito formativo, educativo e ricreativo destinate a bambini, giovani e loro famiglie nel territorio comunale del capoluogo umbro. Si tratta di un progetto di valenza sociale avviato nella primavera del 2014, la cui realizzazione è stata affidata alle Parrocchie attraverso i loro Oratori.

Finalità

Con questo progetto il Comune ha riconosciuto l’importanza socio-educativa delle realtà oratoriali (attualmente sono più di 30 attive nel territorio perugino e non solo nel periodo estivo). La loro finalità, evidenzia il protocollo, si fonda “in ambiti e in azioni diversificate attinenti alla vita di bambini, giovani e loro famiglie, dalle iniziative formative a quelle sportive, di animazione culturale, ricreative ed aggregative, fino ad ogni altra attività propedeutica allo sviluppo culturale, educativo e formativo delle nuove generazioni“.

Numeri

La funzione degli oratori è riconosciuta dalla legge nazionale n° 206/2003 e da quella regionale n° 28/2004. In Umbria, nell’ultimo decennio, sono stati costituiti più di 110 oratori, frequentati complessivamente da alcune decine di migliaia di fanciulli e adolescenti, seguiti da diverse centinaia di giovani animatori. Nella sola Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve sono oltre 5.000 i frequentatori, seguiti da più di 1.000 animatori.

Impegni

Questo protocollo, che ha durata triennale, impegna il Comune di Perugia, “nei limiti di disponibilità di bilancio – si legge nel documento –, a corrispondere all’Archidiocesi, per ogni anno di durata del presente protocollo, uno specifico contributo economico, compatibilmente con le risorse allocate in bilancio“.
Dal canto suo l’Archidiocesi “si impegna a promuovere i contenuti del protocollo per favorire la realizzazione sul territorio di progetti e azioni finalizzati ad attività di promozione della funzione formativa, aggregativa ed educativa rivolta ai bambini, giovani e loro famiglie; l’allestimento di centri ricreativi, ludici e aggregativi a servizio della collettività con particolare attenzione all’accompagnamento educativo nell’attività di aiuto compiti e di affiancamento alle principali agenzie educative, quali la scuola e la famiglia; realizzare percorsi di formazione per valorizzare risorse e competenze presenti sul territorio, supportando e qualificando l’attività oratoriale“.

Ai tempi del Covid-19

Grazie anche a questo protocollo, ispirato al criterio della sussidiarietà orizzontale, in base ai principi di cooperazione, solidarietà e integrazione a tutela dei diritti sociali e della loro accessibilità, gli oratori si apprestano a svolge un ruolo non indifferente in questo periodo particolarmente difficile per numerose famiglie alle prese con l’emergenza Covid-19. “Sono allo studio a livello diocesano, regionale e nazionale progetti a sostegno delle attività estive offerte dalle realtà oratoriali – annuncia don Riccardo Pascolini, segretario nazionale della Fondazione Oratori Italiani (FOI) e responsabile del Coordinamento Oratori Perugini (COP) – per venire più incontro alle necessità delle famiglie. Il rinnovo del protocollo con il Comune di Perugia è colto dai nostri oratori come segno di riconoscimento per l’opera svolta fino ad ora e di incoraggiamento per quella futura da realizzare in un momento di grande incertezza e con non poche difficoltà logistiche ed organizzative, nella consapevolezza che gli Oratori del COP ci saranno nella ‘fase 2’, in modo più puntuale e preciso, con le ‘porte aperte’, non solo virtualmente, nel rispetto delle norme vigenti in materia di sicurezza sanitaria“.

La Chiesa diocesana – conclude don Riccardo Pascolini – ringrazia quanti si sono adoperati per il rinnovo del protocollo, in primis il sindaco Andrea Romizi, il vice sindaco ed assessore alle Politiche per l’infanzia e l’adolescenza Gianluca Tuteri e il consigliere comunale delegato Nicola Volpi“.  

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!