"Extracomunitari di notte in ospedale per 'fare bisogni' e docce" - Tuttoggi

“Extracomunitari di notte in ospedale per ‘fare bisogni’ e docce”

Redazione

“Extracomunitari di notte in ospedale per ‘fare bisogni’ e docce”

Lo denuncia il Nuovo Centro Destra / Segnalate anche le mancate ferie del personale sanitario
Lun, 25/08/2014 - 15:44

Condividi su:


‘Nei giorni scorsi abbiamo richiamato l’attenzione sul problema dell’accattonaggio nel parcheggio dell’ospedale di Foligno, dopo la nostra presa di posizione, per qualche giorno, gli extra-comunitari erano ‘magicamente spariti’ e da qualche sono tornati, persino insieme a venditori ambulanti di collanine, immaginette sacre e rosari’.

Torna all’attacco il coordinamento folignate del Nuovo Centro Destra che in una nota chiede ‘non solo alle forze dell’ordine, che fanno onorevolemte il loro lavoro, ma anche e soprattutto alla direzione dell’Asl’ di attivare necessarie contromisure’.

Se un vigilante non è sufficiente – scrivono gli alfaniani – allora è bene che la direzione ne preveda un secondo. Non è possibile che, soprattutto di notte, si verifichino casi di vandalismo e furti a danno delle auto parcheggiate. Siamo curiosi di sapere se è vero che extracomunitari o zingari – incalza l’Ncd – nottetempo, entrino nel nosocomio a fare i propri bisogni e persino la doccia.

Il coordinamento comunale del Nuovo Centro Destra invita pertanto la direzione della Asl a ‘trovare i soldi per garantire un servizio di più sicuro’ sostenendo che ‘i soldi si trovano con atti di buona volontà, magari tagliando qualche altissimo stipendio di dirigente. Queste figure – incalzano nel comunicato stampa – sono troppe e costano troppo, molte percepiscono stipendi principeschi non tanto per meriti professionali quanto per fedeltà politiche e sindacali’.

Gli alfaniani contestano anche anche la recente scelta ‘comunicata con circolare al personale, di bloccare le ferie e vietare gli straordinari’.

‘Ci sono infermieri che hanno più di cento giorni di ferie arretrate, negate per mancanza di personale. Questo è gravissimo – incalzano – non solo perché si nega un diritto al lavoratore, ma soprattutto perché non si dà al lavoratore stesso la possibilità di riposarsi, e si tratta di persone che hanno a che fare ogni giorno con vite umane, quindi devono essere sempre al massimo della freschezza fisica e mentale’.

Vedi articolo  Blitz forze dell’ordine ai parcheggi dell’ospedale e supermercati periferia

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!