Ex Zuccherificio, il Comune: "Nessun ritardo, c'è proroga di 6 mesi"

Ex Zuccherificio, il Comune: “Nessun ritardo, c’è proroga di 6 mesi”

Alessandro Orfei

Ex Zuccherificio, il Comune: “Nessun ritardo, c’è proroga di 6 mesi”

Nuove tempistiche per la risoluzione dell'annosa vicenda che vede diversi ricorsi pendenti
Ven, 10/01/2020 - 08:54

Condividi su:


Sei mesi in più per avviare l’iter previsto dal complesso accordo tra la proprietà, (Coop Centro Italia) e il Comune di Foligno per risolvere le situazioni pendenti. Su questa direzione si è mossa l’amministrazione comunale di Foligno per l’area dell’ex Zuccherificio nei primi mesi di lavoro. A dirlo è stato l’assessore Marco Cesaro, titolare delle deleghe all’Urbanistica, rispondendo all’interrogazione dei consiglieri del M5S David Fantauzzi e Rosangela Marotta.

L’accordo

L’accordo prevedeva il recupero di due aree importanti, quella dell’ex zuccherificio e quella dell’ex sansificio, strategiche per lo sviluppo della città. Un progetto che era anche a basso impatto di urbanizzazione. Le superfici infatti erano state ridotte. Il progetto prevedeva poi un investimento di 70 milioni di euro e 150 nuovi posti di lavoro.

Le richieste

La svolta sull’ex Zuccherificio – ha detto Fantauzzi – è stato un refrain per tanti anni nella politica folignate e nella scorsa campagna elettorale. Ad oggi siamo fermi alla firma dell’accordo, avvenuta il 7 febbraio scorso. L’accordo riportava però date e limiti specifici che bisognava rispettare: entro 45 giorni dall’approvazione la proprietà doveva presentare una proposta di subcomparto e entro 9 mesi il consiglio doveva approvare la proposta di subcomparto. Entro un mese successivo all’approvazione serviva convenzione. Termini scaduti e non si conoscono gli eventuali intendimenti. Il nocciolo è: cosa intende fare l’attuale amministrazione?”

L’assessore

L’accordo – ha detto Cesaro, ribadendo le date, che vedevano alla sottoscrizione un’altra giunta in carica e un altro dirigente dell’Area Governo del Territorio – prevedeva la possibilità di una proroga in presenza di ritardi. Effettuata una informativa in giunta con il nuovo dirigente, si è provveduto alla richiesta di una proroga di 6 mesi. Proroga che Coop Centro Italia ha accettato. Quindi il nuovo orizzonte temporale sarà quello del 7 giugno 2020 (lo step sarebbe scaduto il 7 novembre). Poi passaggi in commissione e in consiglio comunale, quindi la cittadinanza sarà informata”.

Schermaglie con Fantauzzi (M5S) che ha attaccato: “Si prende solo tempo“.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!