Ex-Colonia Monteluco, si fa concreta ipotesi trasformazione in RSA - Tuttoggi

Ex-Colonia Monteluco, si fa concreta ipotesi trasformazione in RSA

Redazione

Ex-Colonia Monteluco, si fa concreta ipotesi trasformazione in RSA

Lun, 12/04/2021 - 13:58

Condividi su:


Sono in corso contatti intrapresi dalla Direzione Regionale Inps con un gruppo di imprenditori locali. Progetto laternativo dell'Università di Camerino

Progetti in corso per la valorizzazione dell’ex-Colonia estiva di Monteluco di Spoleto, struttura di proprietà Inps più volte al centro dell’attenzione mediatica e recentemente a seguito di nuovi atti vandalici.

La struttura, in carico all’Inps dopo l’integrazione con l’Inpdap, si trova in un luogo di particolare interesse naturale, paesaggistico e storico. Per anni intere generazioni di giovani, hanno trascorso le loro estati li stabilendo con il luogo un profondo legame affettivo.

“Con l’intenzione di valorizzare il proprio patrimonio- recita una nota della direzione regionale Inps Umbria- di concerto con le Direzioni centrali Patrimonio e investimenti, Credito, welfare e strutture sociali e il Coordinamento generale Tecnico-Edilizio, sta valutando tutte le diverse ipotesi per restituire la struttura alla comunità.

In questa direzione vanno i contatti intrapresi con un gruppo di imprenditori locali, finalizzati alla creazione di una Residenza Assistenziale per Anziani (RSA) comprensiva di un centro dialisi e di apparecchiature per le terapie intensive.

Per questi servizi l’Umbria registra un gap tra domanda e offerta, con la conseguenza che molti cittadini sono costretti ad andare fuori regione. La realizzazione di questo progetto – valore stimato dell’investimento tra i 15 e i 16 milioni di euro – oltre a soddisfare il bisogno regionale farebbe dell’Umbria un polo di attrazione per richieste di servizio provenienti da altre regioni, con la creazione di circa 100-200 posti di lavoro.

Con l’obiettivo di dare il proprio contributo fattivo, la direzione regionale Inps Umbria si sta muovendo su due fronti: da una parte ottenere dal Comune di Spoleto il cambio della destinazione d’uso, dall’altra adoperarsi affinché la Regione provveda all’accreditamento della struttura sanitaria.

Ipotesi Università Camerino

La Facoltà di Architettura dell’Università di Camerino ha pure manifestato il suo interesse nei confronti dell’ex-Colonia, proponendo una tesi progettuale sulla riqualificazione della struttura.

“L’auspicio– conclude la nota Inps- è che tutti gli attori coinvolti collaborino attivamente alla conclusione positiva di una vicenda più volte posta all’attenzione pubblica, contribuendo così alla creazione di un valore aggiunto sociale, economico ed occupazionale per il territorio e per l’intera regione.”

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!