Espulso un altro imam di Ponte Felcino

Espulso un altro imam di Ponte Felcino

E’ quello delle botte alla Santanché | Salvini: “A casa!” | Il lungo elenco dei predicatori estremisti a Perugia


share

Dopo l’indagine antiterrorismo su El Korchi, pesanti ombre su un altro imam di Ponte Felcino, il 36enne egiziano Ahmed Elbadry Elbasiouny Aboualy, espulso dal ministro dell’Interno Matteo Salvini per aver incitato, durante le sue prediche, al terrorismo islamico.

Nell’ambito dell’attività di monitoraggio del centro islamico di Ponte Felcino – che appunto dieci anni fa era stato indicato come uno dei primi punti di radicalismo islamico in Italia – gli uomini della Digos, coordinati dalla Procura perugina, avevano valutato come molto preoccupanti alcuni alcuni passaggi della preghiera, in cui sembra si incitasse apertamente al terrorismo.  le perquisizioni effettuate nella casa dell’egiziano e del suo aiutante, di nazionalità macedone, con il sequestro di materiale informatico.

Il post di Salvini

Il commento di Salvini

Sulla base delle accuse di associazione con finalità terroristiche, il ministro Salvini ha firmato il decreto di espulsione nei confronti di Ahmed Elbadry Elbasiouny Aboualy.  “Firmata adesso l’espulsione di un imam che incitava al terrorismo islamico in Italia: a casa!” il tweet di Salvini.

Le botte alla Santanchè

Ma anche la parlamentare di Fratelli d’Italia Daniela Santanchè non è certo dispiaciuta per l’allontanamento dal territorio nazionale dell’uomo con il quale ha avuto uno scambio di denunce. Nel 2009, mentre manifestava contro il volo imposto alle donne musulmane, la parlamentare dichiarò di essere stata aggredita da Elbadry, presentando un certificato medico che attestava una prognosi di una ventina di giorni per due costole incrinate. La Santanché fu poi risarcita, pur dovendo pagare anche lei una più lieve sanzione pecuniaria sulla base della denuncia effettuata dall’imam.

Rintracciato a Brescia

Il 36enne egiziano è stato rintracciato in provincia di Brescia – dove era ospitato per svolgere temporaneamente funzioni di imam anche presso un centro islamico attivo in quella zona – da personale delle Digos di Perugia, Brescia e Milano e, al termine degli adempimenti di legge, è stato accompagnato presso lo scalo aereo di Milano -Malpensa per il successivo rimpatrio con volo diretto a Il Cairo.

I precedenti a Perugia

Ahmed Elbadry Elbasiouny Aboualy è il terzo imam che predicava nei centri islamici di Perugia ad essere espulso per radicalismo e incitamento al terrorismo.


Scarcerato l’ex imam di Ponte Felcino, lascia l’Italia


Oltre a El Korchi, espulso dopo sei anni di carcere (nel suo caso fu dimostrato che addestrava al terrorismo), lo scorso anno lo stesso provvedimento è toccato a un marocchino 52enne che aveva predicato a Perugia e Corciano e che aveva avuto contatti con lo stesso El Korchi.


Su facebook inneggiava all’Isis, epulso


E sempre lo scorso anno a Perugia era stato espulso un 29enne che predicava nel centro di Perugia.


Terrorismo, espulso imam di 29 anni


Una lunga scia di indagini legate al radicalismo e al terrorismo che aumentano la pressione sui centri islamici presenti, o in costruzione come nel caso di Umbertide, in Umbria.

share

Commenti

Stampa