Esplosione Gubbio, Alessio Cacciapuoti torna a casa dopo 2 mesi e mezzo - Tuttoggi

Esplosione Gubbio, Alessio Cacciapuoti torna a casa dopo 2 mesi e mezzo

Davide Baccarini

Esplosione Gubbio, Alessio Cacciapuoti torna a casa dopo 2 mesi e mezzo

Gio, 22/07/2021 - 19:16

Condividi su:


E' stato il ferito più grave della tragica esplosione alla Green Genetics del 7 maggio scorso, dopo un lungo ricovero al Centro ustionati di Cesena e tanti interventi potrà tornare a casa per un breve periodo

Dopo due mesi e mezzo Alessio Cacciapuoti – il 18enne rimasto ustionato sul 70% del corpo dopo la tragica esplosione alla Green Genetics – tornerà finalmente a casa dopo il lungo ricovero all’ospedale Bufalini di Cesena.

Il ritorno nella sua Gubbio avverrà domani (venerdì 23 luglio) per volere dei medici ma non è ancora chiaro se verrà utilizzato l’elisoccorso o la Croce Rossa eugubina si farà carico del trasporto.

Il ragazzo – la cui prognosi resta sempre riservata – in queste settimane è stato per un mese in coma farmacologico e ha subito numerosi interventi chirurgici, sempre sostenuto dai genitori Biagio e Patrizia, trasferitisi a Cesena, e dai tanti amici e “colleghi” studenti del Cassata-Gattapone, giunti in massa sotto l’ospedale per fargli sentire la loro vicinanza anche nel giorno del suo compleanno (nella foto).

Dopo un sospirato ma breve ritorno a casa, Alessio Cacciapuoti dovrà però tornare nuovamente al Centro ustioni per completare il lungo ciclo di cure, prima di dare il via ad un’altrettanta complessa riabilitazione.

Sul fronte indagini, giorni fa è stata depositata la perizia del professor Aldo Romani (incaricato dalla Procura di Perugia) sull’esplosione che ha portato alla morte di Samuel Cuffaro ed Elisabetta D’Innocenti, e per la quale sono ci sono quattro indagati.

Secondo Romani lo scoppio – per il quale ancora si fanno molte ipotesi sul possibile innesco – sarebbe stato comunque “inevitabileper la presenza eccessiva di pentano, un sistema di areazione non adeguato e un uso non proprio corretto delle lavatrici ad ultrasuoni utilizzate per il trattamento della cannabis.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!