Emergenza rifiuti: La proroga non arriva. Regione corre ai ripari - Rometti: "una svista del Ministero" - La nota della Governatrice (nei Commenti) - Tuttoggi

Emergenza rifiuti: La proroga non arriva. Regione corre ai ripari – Rometti: “una svista del Ministero” – La nota della Governatrice (nei Commenti)

Redazione

Emergenza rifiuti: La proroga non arriva. Regione corre ai ripari – Rometti: “una svista del Ministero” – La nota della Governatrice (nei Commenti)

Mar, 08/01/2013 - 13:22

Condividi su:


La proroga non arriva e la Regione corre ai ripari. Il Consiglio dei Ministri di ieri sera ha deluso l’Umbria: non c’è stato tempo per il Ministro Clini di riparare al vuoto normativo che si è determinato con la mancata entrata in porto del decreto 1000 proroghe e che di fatto ha determinato dal 1 gennaio del 2012 il decadere della proroga prevista dalla legge ministeriale per consentire alle aziende preposte, nel caso dei comuni del Trasimeno – Perugino Tsa e Gest, di proseguire nel normale lavoro di raccolta e conferimento dei rifiuti presso le discariche. In questo caso quella di Borgo Giglione nel Comune di Magione.

Parola d’ordine tamponare – Adesso bisogna risolvere il problema, altrimenti da domani i cittadini di 23 Comuni più Foligno e Spoleto rischieranno di non vedersi ritirare i rifiuti dai cassonetti dell’indifferenziata.

Ordinanza in arrivo – Prefetto e Regione hanno deciso di muoversi con un’ordinanza in grado di sopperire al vuoto normativo. Si procederà così, i tecnici sono già al lavoro per la sua redazione. Lo conferma l’assessore regionale all’ambiente Silvano Rometti: “La presidente Marini ha già conferito con il Prefetto e presto sarà pronta l’ordinanza. Al telefono il ministero ha spiegato che la questione verrà risolta nel consiglio dei ministri di venerdì prossimo. Si è trattato di una svista – spiega Rometti – dipesa dal fatto che il mille proroghe non è stato varato. La deroga altrimenti si sarebbe rinnovata in maniera automatica”.

Svista – Il sindaco di Magione Massimo Alunni Proietti aveva ieri ironizzato dando la colpa alle festività natalizie che potevano aver distratto gli organi competenti da una grave situazione che si stava creando e da lui definita come il possibile “default dei rifiuti”. Ma non esagerava vista la rapidità con cui poi è scattato l’allarme fatto di telefonate di fuoco tra la cittadina lacustre, i vertici regionali e gli uffici romani. Si stava in effetti determinando uno scenario apocalittico. Cassonetti strabordanti e cittadini infuriati non sarebbero stati che una delle conseguenze. Ma i camion ancora non marciano, sono fermi in attesa del provvedimento dell’ultima ora. Da domani, forse, si torna alla normalità. Intanto è già da qualche ora che si cerca un bersaglio contro cui puntare il dito. Il gioco delle responsabilità è iniziato.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!