Emergenza idrica a Perugia: l'ordinanza del Sindaco Boccali fino al prossimo 30 settembre - Tuttoggi

Emergenza idrica a Perugia: l'ordinanza del Sindaco Boccali fino al prossimo 30 settembre

Redazione

Emergenza idrica a Perugia: l'ordinanza del Sindaco Boccali fino al prossimo 30 settembre

Lun, 09/07/2012 - 13:46

Condividi su:


Con una ordinanza del sindaco dello scorso 6 luglio sono stati disposti alcuni provvedimenti per un uso più razionale e volti al risparmio della risorsa idrica. Il provvedimento fa seguito alle condizioni meteorologiche particolari che negli ultimi mesi hanno sensibilmente ridotto gli afflussi meteorici. La Regione dell'Umbria, inoltre, ha reso pubblico un rapporto sulla situazione idrica nella nostra regione che pone l'accento sulla criticità del sistema di approvvigionamento idrico, evidenziando per il 2012 un deficit di pioggia superiore a quello riscontrato nei precedenti periodi di crisi. L'acqua, infine, è un bene pubblico ed esauribile il cui uso è assoggettabile a regolamentazioni e limitazioni in presenza di motivi speciali e di pubblico interesse.

Fino al 30 settembre prossimo, salvo espressa revoca, è fatto divieto di prelievo dalla rete idrica di acqua potabile per l'annaffiamento di orti, giardini, piazzali, lavaggio automezzi; i prelievi di acqua dalla rete idrica sono consentiti esclusivamente per uso idropotabile, sanitario, zootecnico e per tutte le altre attività ugualmente autorizzate per le quali necessiti l'uso di acqua potabile; è consentito il riempimento di piscine oggetto di attività commerciale o associativa, nonché l'irrigazione di strutture sportive sempre destinate a dette attività, soltanto previo contatto con il gestore del Servizio Idrico al fine di concordare modalità e precauzioni necessarie; sono escluse dalla presente ordinanza le attività di irrigazione di giardini e parchi di uso pubblico nonché tutti i servizi pubblici di igiene urbana per i quali, comunque, dovranno essere assunti comportamenti utili a contenere gli sprechi. Le violazioni alla presente ordinanza saranno punite con una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro.

La Polizia Municipale e le altre forze dell'ordine sono incaricate di far rispettare ed eseguire il provvedimento.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!