Eldorato, ad Assisi si ricordano le migrazioni e l'accoglienza - Tuttoggi

Eldorato, ad Assisi si ricordano le migrazioni e l’accoglienza

Redazione

Eldorato, ad Assisi si ricordano le migrazioni e l’accoglienza

Dom, 27/09/2020 - 10:46

Condividi su:


Eldorato, ad Assisi si ricordano le migrazioni e l’accoglienza

Eldorato, ad Assisi si ricordano le migrazioni e l'accoglienza. Installazione site-specific sulla Basilica Superiore di San Francesco, le foto

In occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, anche la comunità dei frati del Sacro Convento di Assisi fa sentire la sua voce sul tema delle migrazioni e dell’accoglienza, aderendo al progetto artistico “Eldorato” di Giovanni de Gara.

Sulle porte della Basilica Superiore di San Francesco d’Assisi sono state installate oltre 20 metri di coperte termiche: presenti alla cerimonia, oltre l’artista, anche il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, padre Marco Moroni, e il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato.

Quello di Eldorato è un messaggio importante – ha detto Padre Gambetti – che ci fa interrogare su cosa veramente dà ricchezza. L’oro abbellisce, ma la vera ricchezza sta nella gioia che noi possiamo portare o avere nel cuore, non è legata a un metallo. La gioia vera sta in quest’oro dei poveri, dove c’è la possibilità di stringere relazioni, stringersi insieme e sperimentare la gioia“.

La pandemia – l’appello di Padre Fortunato sulla scia della lettera inviata dal Papa proprio in occasione della Giornata mondiale del migrante – non faccia dimenticare gli sfollati, una tragica condizione, spesso invisibile,quella degli sfollati. Nei loro volti si riflette quello di Gesù profugo. Non dimentichiamo gli sfollati e coloro che vivono esperienze di precarietà, abbandono, emarginazione e rifiuto: come Gesù, sono costretti a fuggire. Gli sfollati interni nel mondo sono 40-50 milioni: sono provocati da guerre, conflitti, disastri ambientali e ora anche dalla pandemia. Un’installazione che ci pone una domanda che inquieta e orienta: vogliamo prenderci cura dell’altro o girarci dall’altra parte?“.

De Gara ha dato vita al progetto nel 2018, dalle porte dell’Abbazia fiorentina di San Miniato al Monte; Eldorato è stato realizzato sulle chiese di settanta chiese cattoliche, valdesi, metodiste e luterane e di alcuni luoghi comunitari simbolici come il Maschio Angioino e il Palazzo delle Aquile (sedi del Comune di Napoli e di quello di Palermo), il carcere di Venezia e l’Aula Magna dell’Università di Bologna. Si è unita al progetto anche l’unione delle comunità islamiche d’Italia (UCOII) e da settembre saranno realizzate le porte d’oro di 5 moschee. La tappa di Assisi, realizzata in collaborazione con Indigo Art Gallery di Perugia, è la penultima. La speranza è di concludere il viaggio a Roma, sperando in una risposta da Papa Francesco.

Eldorato – spiega l’artista – è un’allusione all’Eldorado, la terra mitologica dove si trovavano oro e benessere. È spesso quello che pensano i migranti, di trovare una situazione migliore di quella da cui fuggono, e invece alla fine l’unica cosa dorata che trovano è l’oro di una coperta termica. Nella parola ‘Eldorato’ c’è un richiamo alle ebraico Elohim – Dio – per cui si può intendere ‘Dio dorato’; nella tradizione pittorica bizantina e non solo, l’oro è il colore della divinità, il colore di Dio“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!