Ecobonus 110% e cessione del credito a Poste, nasce comitato di cittadini

Ecobonus 110% e cessione del credito a Poste, nasce comitato di cittadini

Redazione

Ecobonus 110% e cessione del credito a Poste, nasce comitato di cittadini

Mar, 25/01/2022 - 13:30

Condividi su:


Nasce un Comitato per la tutela del diritto dei privati titolari del credito Ecobonus 100% ceduto a Poste italiane per il rispetto dei termini contrattuali

Tra le difficoltà dei cittadini che hanno aderito all’importante opportunità di ristrutturazione edilizia grazie all’Ecobonus 110% se ne aggiunge un’altra. C’è infatti chi lamenta problemi ritardi per quanto riguarda la cessione del credito a Poste italiane, tanto da aver dato vita ad un comitato di tutela del diritto. A presiedere tale comitato è il dottor Gianluigi Falcone di Massa Martana.

Poste Italiane – sottolinea il dottor Falcone – non sta rispettando i termini contrattuali dei venti giorni lavorativi di liquidazione del credito ceduto dal giorno di comunicazione  di accettazione dell’Agenzia delle Entrate con la motivazione di eseguire controlli più approfonditi delle pratiche per le numerose frodi esistenti  ma con la creazione, nel contempo,  di un disagio notevole ai privati e alle imprese oltre che configurare una palese  inadempienza contrattuale.

Approviamo la procedura di un controllo più minuzioso per snidare le truffe ma è intollerabile un allungamento dei tempi di risposta di liquidazione o rifiuto del credito per i soggetti che si trovano nella situazione di aver  anticipato ingenti somme e per le imprese che non riescono ad incassare. Oltretutto Poste Italiane, pur chiedendo meno formalità per la stipula del contratto, non concede al cliente alcuna anticipazione di credito e, fatto ancora più odioso rappresentando una vera e propria trappola, che il loro programma di gestione del credito non consente l’inserimento di un nuovo contratto di cessione se non viene chiuso il precedente.

Per quanto sta accadendo, costituiremo fin da subito un Comitato per la tutela del diritto dei privati titolari del credito Ecobonus 100% ceduto a Poste italiane per il rispetto dei termini contrattuali con adesione libera e gratuita. Contestualmente – conclude Falcone – contatteremo un’associazione nazionale di tutela dei consumatori interessata a fornire un patrocinio e chiederemo formalmente al Presidente del Consiglio dei Ministri dott. Mario Draghi  quali azioni intenderà adottare nei confronti di Poste Italiane SpA”.

Per aderire al comitato si può scrivere un’email a gianluigi.falcone27@gmail.com o contattare il numero di cellulare: 338.8638106.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!