Ecco l’esoscheletro: il robot che permette di tornare a camminare

Ecco l’esoscheletro: il robot che permette di tornare a camminare

Donazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno al centro di riabilizione di Trevi I Solo dieci in Italia, eccellenza mondiale

share

E’ stato presentato questa mattina, a Palazzo Cattani, il nuovo esoscheletro robotico indossabile, donato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno alla centro di riabilitazione intensiva neuromotoria di Trevi.

Lo strumento, consentirà, in qualche modo, a soggetti colpiti da lesioni spinali, patologie neurologiche, ictus e sclerosi multipla, di tornare a camminare con le proprie gambe.

L’apparecchiatura è stata appositamente costruita, su ordinazione da Riabilitazione Italia dell’Emac di Genova: ad illustrarne il funzionamento ad autorità, stampa e cittadinanza, il responsabile Claudio Ceresi, il quale ha fatto sapere che in tutta Italia ne esistono per ora solamente dieci esemplari.

Nata per scopi militari a servizio delle forze armate Usa nelle missioni in Afghanistan, è stata adattata alle esigenze mediche, ed è capace di alzarsi in piedi da sola e persino muoversi e camminare autonomamente. Si può indossare sostanzialmente come l’imbracatura di un paracadute. Uno scheletro esterno, per l’appunto, che consentirà di riprendere a muoversi, con assistenza di fisioterapisti appositamente specializzati.

“Questo esoscheletro è il migliore che attualmente si trova sul mercato mondiale – ha sottolineato Gaudenzio Bartolini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno – e va ad aggiungersi alle altre donazioni di eccellenza, che abbiamo assegnato negli anni alla sanità locale. Sarà un fiore all’occhiello non solo per Trevi, ma per l’Umbria intera – ha rilevato Bartolini – e ci permetterà, soprattutto, di sostenere la voglia di rimettersi in gioco, il prima ed il meglio possibile, dei pazienti che ne faranno uso”.

Voglio ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, per tutto quello che ha fatto e sta facendo per rendere di questo territorio, un territorio di eccellenza sanitaria – ha dichiarato il nuovo direttore generale della UslUmbria2, Imolo Fiaschini – con l’esoscheltro infatti, soggetti con lesioni midollari, potranno per la prima volta mettersi in piedi. Trevi sarà così sempre più importante, non solo nel sistema regionale – ha rilevato – ma nazionale”.

L’apparecchiatura è già disponibile, ma sarà consegnata ufficialmente nella giornata di sabato 30 aprile, nell’ambito di ‘Trevi Benessere’.

“L’esoscheletro ci consentirà di diventare anche un centro di formazione per nuovi fisioterapisti, da specializzare come esperti nell’uso di queste tecnologie – ha fatto notare Mauro Zampolini, direttore del dipartimento di Riabilitazione UslUmbria2 –  Trevi si rilancia così, sia come uno dei maggiori centri di riabilitazione, che di ricerca, in Italia”.

 

 

 

 

 

share

Commenti

Stampa