E.On di Terni: riunione in Provincia tra istituzioni, sindacati e vertici aziendali - Tuttoggi

E.On di Terni: riunione in Provincia tra istituzioni, sindacati e vertici aziendali

Redazione

E.On di Terni: riunione in Provincia tra istituzioni, sindacati e vertici aziendali

Ven, 24/08/2012 - 19:16

Condividi su:


Si è svolto ieri mattina un incontro in Provincia, convocato dal presidente Feliciano Polli e dal sindaco di Terni Leopoldo di Girolamo, con i sindacati confederali e di categoria ed i rappresentanti di E.On, per un confronto sulle problematiche relative alla presenza dell’azienda sul territorio e le conseguenti ricadute occupazionali sulla sede ternana. Sindacati e istituzioni hanno fortemente stigmatizzato comportamenti e dichiarazioni di alcuni dirigenti del Gruppo che hanno determinato grave preoccupazione tra i lavoratori. E.On, dal suo canto, ha riconfermato il significativo ruolo degli impianti idroelettrici di Terni ricordando, da un lato, di aver portato a termine un investimento di circa 200 milioni di euro per il rifacimento della quasi totalità del parco idroelettrico e, dall’altro, di aver mantenuto il livello degli organici del Nucleo Operativo ed incrementato quello degli staff. Nell’ambito del progetto globale di riorganizzazione denominato E.On 2.0, rivolto a tutte le strutture operative e di staff della società e non quindi particolarmente alla sede di Terni, l’azienda ha precisato di non aver programmato alcuna misura straordinaria come la chiusura, appena decisa, per la sede di Verona. L’azienda, con l’obiettivo di assicurare un’applicazione socialmente responsabile del progetto E.On 2.0, verificherà la possibilità di bilanciare la distribuzione delle attività tra le diverse sedi in Italia, impegnandosi ad aprire un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali di Terni sui cui risultati le parti riferiranno con periodicità semestrale alla Provincia ed al Comune di Terni. I sindacati hanno richiesto che priorità del tavolo, in occasione della sua prima convocazione prevista per il prossimo sette settembre, sia il destino dei lavoratori precari a Terni più esposti alle conseguenze del progetto globale di riorganizzazione. Dal lato degli investimenti, l’azienda conferma le attività di sviluppo e studio in corso per il progetto di pompaggio idroelettrico nell’area ternana. D’intesa con il presidente della Provincia e con il sindaco di Terni, si è ribadito altresì l’impegno per iniziare le attività per il rinnovo dell’accordo esistente, nel filone degli interventi di miglioramento ambientale già intrapresi e con l’obiettivo di individuare iniziative nell’ambito della ricerca e nel settore dell’efficienza energetica.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!