Disabili a scuola, gli alunni ritrovano i loro operatori

Disabili a scuola, gli alunni ritrovano i loro operatori

Redazione

Disabili a scuola, gli alunni ritrovano i loro operatori

Sab, 05/03/2022 - 10:35

Condividi su:


Concluso l'iter coi sindacati per il ritorno del servizio alle cooperative Polis e Borgo Rete | Priorità a chi era stato assunto dalla ditta lombarda in caso di ulteriori risorse

Le cooperative Polis e Borgo Rete possono riprendere l’assistenza scolastica agli alunni con disabilità del Comune di Perugia. Risolto il contratto con la ditta lombarda che aveva inizialmente vinto l’appalto – poi rescisso per l’evidenza di irregolarità nei requisiti presentati – concluso l’iter con le organizzazioni sindacali per il ritorno dell’appalto alle cooperative perugine che per lungo tempo lo hanno gestito.

“Finalmente si conclude una vicenda che ha creato preoccupazioni e disagi all’utenza e alle famiglie coinvolte, oltre che apprensione tra le lavoratrici e i lavoratori”, commentano in una nota Cgil, Cisl e Uil, insieme alle categorie che seguono la cooperazione sociale, Fp Cgil, Fisascat Cisl e Uil Fpl. 

I bambini ritrovano i loro educatori

Con questo nuovo passaggio gli alunni ritroveranno i loro vecchi educatori, che li hanno seguiti per molto tempo. Infatti, il nuovo passaggio prevede il ricollocamento di tutti gli addetti e le addette che erano in servizio al 31.12.2021.

Gli assunti dalla cooperativa lombarda

Mentre per quanto riguarda i nuovi assunti dalla cooperativa lombarda con contratti a termine, le organizzazioni sindacali hanno ottenuto di inserire nell’accordo un passaggio che, in caso di disponibilità di ulteriori risorse da parte dell’amministrazione comunale, faciliterà il loro reinserimento.

I sindacati: servono confronti preventivi con gli Enti

“Questa vertenza dimostra chiaramente che è sempre più necessaria l’attivazione di confronti preventivi fra amministrazioni pubbliche appaltanti e organizzazioni sindacali sui passaggi di appalto – concludono i sindacati – Se si fosse intervenuti con anticipo, infatti, tutta questa problematica non si sarebbe nemmeno aperta. È altrettanto palese, infine, che non è più rinviabile un confronto con la Regione per regolamentare, attraverso una legge regionale, il sistema degli appalti in Umbria”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!