Dal Pakistan a Perugia per una buona azione / La storia di Ali - Tuttoggi

Dal Pakistan a Perugia per una buona azione / La storia di Ali

Sara Minciaroni

Dal Pakistan a Perugia per una buona azione / La storia di Ali

Il ragazzo è ospite di SPRAR in una struttura di Perugia gestita da Arci Solidarietà
Mar, 25/11/2014 - 16:06

Condividi su:


“Perché non li hai tenuti?”. “Perché non erano soldi miei”. Domanda e risposta che buttano giù a mazzate i luoghi comuni e i pregiudizi. Quella che raccontiamo oggi è una storia che merita attenzione in un periodo in cui il tema dell’immigrazione si è fatto rovente in Italia. Accade in Umbria. A Perugia. Attualmente il territorio della provincia verde ospita circa  410 profughi  ma, secondo le nuove disposizioni, dovrebbe arrivare ad accoglierne 595. Ali  (nome di fantasia) è uno di questi.

E’ ospite dello SPRAR (Sistema protezione dei rifugiati e richiedenti asilo) gestito da Arci Solidarietà e spesso è costretto a sottoporsi a visite mediche per dei problemi cardiaci. Ali viene dal Pakistan, a Perugia è arrivato da poco, dopo un estenuante viaggio della speranza via terra e dopo una permanenza in una struttura di Teramo. Sara è l’operatrice sociale che proprio nei giorni scorsi si è occupata dell’accompagnamento sanitario di Ali in un ambulatorio di Perugia. E’ prassi infatti che i ragazzi vengano seguiti nelle loro necessità primarie, soprattutto quelle sanitarie. E’ durante uno di questi accompagnamenti che appunto Ali racconta a Sara l’episodio di cui è stato protagonista.

In una mattina come tante Ali stava andando a seguire il corso di italiano che propone Arci e davanti alla fermata dell’autobus si accorge che un ragazzo perde il portafogli. Ali lo raccoglie ma l’autobus parte e non riesce a raggiungere chi lo ha smarrito. Allora lo apre e vede che dentro ci sono un sacco di soldi. Trecento euro circa. Praticamente una fortuna, per un ragazzo al quale il progetto di solidarietà mette a disposizione 30 euro a settimana. Ma Ali non ci pensa due volte. Continua a rovistare e trova un numero di telefono. Chiama e fissa un incontro con il proprietario alla stazione di Fontivegge. Il ragazzo arriva accompagnato dal padre. I due restano anche sorpresi quando scoprono che ad attenderli c’è Ali. Si fanno raccontare la sua storia e gli offrono una lauta ricompensa. Lui la rifiuta. E pensare che qualche giorno prima lui stesso aveva perso i suoi 30 euro settimanali, ma non c’è storia. Ha fatto solo il suo dovere quei soldi non li vuole. Ecco come nascono la domanda e la risposta all’inizio di questo articolo, cioè quando Ali racconta a Sara la sua avventura e poi spiega “avrei voluto andare in Questura, ma avevo paura che sospettassero che lo avessi rubato quel portafogli”Una storia, non come tante. 

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!