Da Gubbio e Umbertide sostenevano l’Isis, il Viminale espelle due stranieri

Da Gubbio e Umbertide sostenevano l’Isis, il Viminale espelle due stranieri

Si tratta di due giovani nordafricani che avevano intrapreso un percorso di radicalizzazione jihadista

share

Due cittadini di nazionalità marocchina, un 32enne domiciliato a Umbertide e un 26enne domiciliato a Gubbio, sono stati espulsi per motivi di sicurezza dal ministro dell’Interno Matteo Salvini. Dagli accertamenti compiuti dal Raggruppamento operativo speciale dei Carabinieri nell’ambito in un’indagine della Dda di Perugia, i due stranieri sono risultati aperti sostenitori dell’Isis e sospettati di aver intrapreso un percorso di radicalizzazione di tipo jihadista.

I due stranieri sono in particolare indagati per aver allacciato e mantenuto contatti, soprattutto via internet, con soggetti dimoranti in Marocco e Francia attestati su analoghe posizioni radicali. I due avrebbero inoltre favorito l’invio nel teatro di guerra siro-iracheno di aspiranti combattenti (foreign terrorist fighters), intenzionati ad unirsi alle milizie jihadiste attive nell’area. Infine, i due sono accusati sostenuto economicamente alcuni combattenti.

Il 32enne, nel 2016, era già stato tratto in arresto in Marocco (e poi condannato), con l’accusa di ‘finanziamento a gruppi terroristici di matrice jihadista’. I due – fa sapere il Viminale – sono stati espulsi e rimpatriati in Marocco. Salgono così a 313 le espulsioni eseguite dal gennaio 2015, di cui 76 nel 2018.

share

Commenti

Stampa