Da giovedì tamponi al Coc per le primarie. Per medie e superiori domenica in farmacia

Da giovedì tamponi al Coc per le primarie. Per medie e superiori domenica in farmacia

Redazione

Da giovedì tamponi al Coc per le primarie. Per medie e superiori domenica in farmacia

Mer, 12/01/2022 - 15:55

Condividi su:


Per gli studenti delle primarie di Spoleto e Campello tamponi rapidi a Santo Chiodo da domani: la convocazione avverrà un giorno prima

Tamponi per gli studenti delle scuole primarie di Spoleto e Campello sul Clitunno al Coc di Santo Chiodo da giovedì 13 gennaio mentre quelli di medie e superiori potranno recarsi in farmacia, ma solo domenica mattina (o entro oggi, 12 gennaio, gratis).

Il Comune di Spoleto fa sapere infatti che è stata definita l’organizzazione del servizio di screening in funzione anti Covid-19 riservato alle scuole primarie dei comuni di Spoleto e Campello. Realizzato in collaborazione con l’Esercito Italiano, la Usl Umbria 2 e le associazioni del Gruppo comunale di Protezione Civile, il controllo con i tamponi antigenici verrà effettuato presso sede del Centro Operativo Comunale a Santo Chiodo. L’obiettivo è garantire le migliori condizioni di sicurezza possibili in vista del rientro in classe il prossimo 17 gennaio.

Scuole elementari, classi saranno convocate per i tamponi il giorno prima

Il servizio sarà attivo giovedì 13 gennaio dalle ore 10 alle 13 e dalle 14 alle 19, mentre venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 gennaio l’orario sarà dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 19. Per monitorare i tempi e l’andamento del controllo ed evitare situazioni di assembramento le classi della scuola primaria verranno convocate con un giorno di anticipo. Coloro che sono già risultati positivi vengono seguiti direttamente dalla Usl Umbria 2 e, seppur appartenenti alle classi convocate, non dovranno recarsi al centro tamponi allestito a Santo Chiodo.

Per scuole infanzia, medie e superiori tamponi in farmacia

Coinvolte nell’organizzazione anche le due Farmacie comunali, in viale Martiri della Resistenza e in via San Benedetto (Pontebari) e le farmacie Betti (viale Trento e Trieste), Scoccianti (viale Guglielmo Marconi) e Amici (piazza Garibaldi): domenica 16 gennaio, dalle ore 9 alle ore 13 (farmacie comunali) e dalle 9 alle 12 (farmacie private), saranno aperte per effettuare i test antigenici esclusivamente ai bambini e alle bambine delle scuole dell’infanzia e agli studenti delle secondarie di Spoleto, dunque medie e superiori.

Per gli studenti over 12 anni, comunque, rimane fino ad oggi (12 gennaio) la possibilità di effettuare i test antigenici rapidi gratuiti nelle farmacie del territorio, come previsto dalla Regione Umbria. Per quanto riguarda la fascia d’età 0 – 11 anni, invece, i tamponi in farmacia gratuiti rimangono disponibili ogni 15 giorni fino a marzo.

I ringraziamenti del sindaco Sisti

È stato un lavoro di squadra molto impegnativo, non semplice ma assolutamente necessario – sono state le parole del sindaco Andrea Sisti – per il quale ringrazio il vicesindaco Lisci e l’assessore Renzi, le dirigenti Nichinonni e Bugiantelli, l’Esercito Italiano, la Usl Umbria 2 e il sistema di volontariato comunale di Protezione Civile. In questi giorni abbiamo tutti lavorato assiduamente per rendere il ritorno in classe il più sicuro possibile. Un ringraziamento particolare va anche ai dirigenti scolastici, attraverso i quali comunicheremo alle classi i giorni e gli orari per lo screening e alle farmacie, sia comunali che private, che domenica apriranno appositamente per fare i tamponi agli studenti. Questa unità di intenti, questa volontà comune è di grande aiuto per l’intera comunità, soprattutto in momenti difficili come questo”.

Il personale che garantirà il corretto svolgimento dello screening sarà messo a disposizione dall’Esercito, dalla Usl Umbria 2 e dalle associazioni del gruppo comunale di Protezione Civile. La regolamentazione della viabilità e dei flussi di traffico verrà gestita dalla Polizia Municipale insieme al personale dell’Esercito.

La polemica di Fratelli d’Italia

Ed in contemporanea agli annunci del Comune, arriva anche la polemica di Fratelli d’Italia proprio sulla gestione della collaborazione dell’Esercito per i tamponi in merito al Covid.

“Da oltre un mese, insieme ai colleghi di Alleanza Civica, – ricorda il coordinamento cittadino di FdI – chiediamo di risolvere il problema del traffico in via Manna a causa del punto tamponi ivi collocato.

Nonostante le varie rassicurazioni ricevute dall’attuale esecutivo, apprendiamo invece che il team dell’Esercito, reso disponibile i primi giorni di gennaio, come peraltro da successivo annuncio del primo cittadino a mezzo stampa il giorno 5, in cui si evidenziava proprio l’importanza del ruolo di supporto alla ASL  nell’attività di testing e screening della popolazione, in realtà risulta ancora non attivo e presumibilmente lo diventerà soltanto da giovedì mattina. Tale team, composto da un dottore e da due infermieri, è stato messo a disposizione dal centro operativo interforze dell’esercito italiano in base ad un accordo della Regione Umbria con la struttura commissariale emergenza coordinamento dipartimento prevenzione e messo a disposizione dal centro operativo interforze al comune di Spoleto, Perugia, Terni e Città di Castello.

Dopo un’ordinanza sindacale con la quale si annunciava la chiusura delle scuole fino al 15 gennaio disponendo Dad per gli studenti per recuperare il tracciamento e limitare i contagi, ci ritroviamo che il nuovo centro tamponi sara’ operativo da metà settimana con il giorno del Santo Patrono di mezzo, senza alcuna notizia sulle modalità di accesso e senza un’adeguata campagna di sensibilizzazione ai fini del corretto tracciamento per riaprire le scuole in sicurezza.

Ci sentiamo presi in giro, ma soprattutto riteniamo che siano stati presi in giro i cittadini a cui abbiamo creato disagio,  gli studenti, privati della scuola e  nuovamente costretti alla DAD; peraltro non si sa ancora fino a quando e se eventualmente ci sarà una proroga dell’ordinanza. Politicamente appare paradossale giustificare così un’ordinanza, quella del Sindaco, del PD e dei 5 stelle, in chiaro contrasto con la volontà del Governo ed  anche dei ministri del PD e dei 5 stelle che hanno varato analogo provvedimento a livello nazionale che va esattamente nella direzione opposta.  Il problema è che qualcuno, a Roma o a Spoleto sta nel pallone e purtroppo appare evidente che questa confusione politica, disorienta ulteriormente i cittadini ormai allo stremo. Tra l’altro parliamo di un’ordinanza che in altre istituzioni, proprio durante queste ultime ore, è stata bocciata dal TAR in quanto adottata in un territorio, che analogamente al nostro, non è in zona rossa ed il cui solo aumento dei positivi non consente una deroga alle regole. Ragion  per cui il TAR ha disposto l’immediato ritorno in presenza degli studenti.  Del pari anche l’ordinanza del Comune di Spoleto appare violare gravemente il diritto degli studenti spoletini di partecipare alle attività scolastiche in presenza come previsto da legge dello Stato, costringendoli ancora una volta a subire in prima persona le conseguenze di una dilagante e costante incapacità della politica di affrontare questa emergenza.

Ringraziamo comunque Regione, Esercito Italiano per aver messo a disposizione della città un importante servizio finalizzato a gestire questa fase di emergenza,  la struttura comunale e tutti i volontari dei vari gruppi di protezione civile ancora una volta disponibili ed impegnati per organizzare le tende in cui allocare il nuovo servizio nelle adiacenze del centro operativo comunale di Santo Chiodo in un fine settimana con condizioni metereologiche particolarmente avverse”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!