"Creare un parco giochi inclusivo", mozione di Erbaioli firmata anche da Laureti e Renzi - Tuttoggi

“Creare un parco giochi inclusivo”, mozione di Erbaioli firmata anche da Laureti e Renzi

Redazione

“Creare un parco giochi inclusivo”, mozione di Erbaioli firmata anche da Laureti e Renzi

Le tre consigliere di minoranza chiedono al sindaco ed alla Giunta di realizzare un adeguato spazio ludico per bambini che sia anche adatto a disabili
Mar, 30/10/2018 - 11:48

Condividi su:


“Creare un parco giochi inclusivo”, mozione di Erbaioli firmata anche da Laureti e Renzi

“Mettiamo al centro chi abiterà il futuro di questa città: i piccoli cittadini! Diamo loro un adeguato spazio ludico capace di favorire le relazioni sociali e una crescita sana”.  Questa la richiesta della consigliera del Partito Democratico, Carla Erbaioli, prima firmataria della mozione sul parco giochi inclusivo, firmata anche da Camilla Laureti (Laureti per Spoleto) e Luigina Renzi (Ora Spoleto).

“Spoleto – evidenzia Erbaioli – non ha mai avuto un vero e proprio parco giochi, ma solo aree verdi spesso approssimativamente attrezzate, ricavate da giardinetti, o zone arrangiate e a volte prive di adeguata manutenzione. Costruiamo insieme un progetto vero, a misura di bambino, un luogo che sia accessibile, facile da raggiungere, servito possibilmente da parcheggi gratuiti, dotato di strutture adatte anche a bambini con abilità diverse“.

Per questo la mozione invita l’amministrazione ad individuare un luogo dove insediare un vero e proprio parco giochi inclusivo e studiarne quanto prima la realizzazione con strutture adatte anche a portatori di handicap. “Dovrà essere anche un luogo di integrazione sociale e una sorta di palestra di educazione civica – continua la consigliera del Partito Democratico – dove i bambini possano imparare il rispetto del verde pubblico, il valore dell’ambiente e della raccolta differenziata, attraverso giochi dedicati. Un luogo capace di stimolare la fantasia, la creatività e le relazioni fra i piccoli cittadini e tra le famiglie”.

“Con questa mozione – prosegue Carla Erbaioli – intendiamo inoltre impegnare l’amministrazione a verificare lo stato attuale delle aree gioco esistenti a Spoleto e garantirne una migliore manutenzione; adeguare progressivamente le aree pubbliche già destinate ai giochi, rendendole accessibili, man mano che si provvede alla loro risistemazione e possibilmente corredando l’installazione dei giochi inclusivi con progetti di gestione e animazione sviluppati eventualmente insieme alle associazioni e alle famiglie del territorio che si occupano di disabilità di qualsiasi tipo, affinché siano individuate strategie per rendere i parchi sempre più sicuri per ogni bambino”.

Questo il testo integrale della mozione

OGGETTO: Parchi inclusivi ed accessibilità a tutti i bambini.

PREMESSO CHE:

La Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia (approvata dall’ONU nel 1989 e ratificata dall’Italia con Legge 27 Maggio 1991 n.176) all’art 31 sancisce per ogni bimbo “il diritto a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età”, mentre all’art. 23 prevede che gli Stati che sottoscrivono la Convenzione stessa, riconoscano che tutti i bambini con disabilità, sia fisica e/o psicologica “hanno diritto a divertirsi e crescere come gli altri bambini”; l’Italia, fin dal 1992, si è dotata di una legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone con disabilità (legge 5 Febbraio 1992 n.104) stabilendo che l’inserimento si realizza anche mediante “l’adeguamento delle attrezzature e del personale dei servizi educativi, sportivi, di tempo libero e sociali” (art. 8, comma 1, lettera e) e disponendo, all’art 23 (rimozione di ostacoli per l’esercizio di attività sportive, turistiche e ricreative) che “le regioni e i comuni realizzano, in conformità alle disposizioni vigenti in materia di eliminazione delle barriere architettoniche, ciascuna per gli impianti di propria competenza, l’accessibilità e la fruibilità delle strutture sportive e dei connessi servizi da parte delle persone handicappate”; con Legge 3 Marzo 2009 n.18, è stata ratificata la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità del 13 Dicembre 2006.

CONSIDERATO CHE: un parco giochi inclusivo è un luogo in cui i bambini con abilità e capacità diverse possono giocare insieme, interagire tra loro e utilizzare insieme i giochi installati nei parchi, diminuendo di fatto le distanze che possono venirsi a creare di fronte alle diversità;

che nell’infanzia è attraverso il gioco e grazie alla condivisione di momenti di svago che anche i bambini con disabilità possono recuperare funzioni sia fisiche riabilitative, sia psicologiche/affettive; che la creazione di spazi accessibili, con particolare attenzione alla progettazione di giochi e di aree gioco fruibili anche ai bambini con disabilità, intervenendo sia con la creazione di nuove strutture, sia con l’adeguamento di situazioni esistenti, favorisce interscambio e socializzazione.

RILEVATO CHE: per un bambino con disabilità motoria, vedersi riconosciuto questo diritto è tutt’altro che semplice e anche solo l’esperienza di giocare all’aria aperta in un parco può rilevarsi difficile;

CONSTATATO CHE:

A Spoleto non esiste un vero e proprio parco giochi, ma solo diverse aree ricavate in modo approssimativo e spesso poco adeguate presso giardini e zone verdi e che nessuna di queste può essere neanche lontanamente assimilabile ad un parco giochi inclusivo, cioè capace di accogliere bimbi con diverse abilità, per i quali quindi risulta ancora difficile, a volte impossibile, vivere dei momenti ludici insieme ai loro coetanei per l’inadeguatezza delle strutture esistenti.

SI IMPEGNA SINDACO E GIUNTA A:

garantire una migliore manutenzione delle aree gioco esistenti;

ad adeguare progressivamente le aree pubbliche già destinate ai giochi, rendendole tutte compatibili ed accessibili, man mano che si provvede alla loro risistemazione e corredando l’installazione dei giochi inclusivi con progetti di gestione e animazione sviluppati eventualmente insieme alle associazioni ed alle famiglie dei disabili del territorio che si occupano di disabilità di qualsiasi tipo, affinché siano individuate strategie per rendere i parchi sempre più accessibili e sicuri per ogni bambino;

a individuare un luogo dove insediare un vero e proprio parco giochi inclusivo, accessibile, facile da raggiungere, servito possibilmente da parcheggio gratuito e studiarne quanto prima la realizzazione con strutture adatte anche a portatori di handicap affinchè sia anche un luogo di integrazione sociale e una sorta di palestra di educazione civica, dove i bambini possano imparare il rispetto del verde pubblico, il valore dell’ambiente e della raccolta differenziata, attraverso giochi dedicati. Un luogo capace di stimolare la fantasia e la creatività e le relazioni fra i piccoli cittadini e le famiglie.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!