Covid, il Tar respinge il rientro immediato a scuola | Si attende la nuova ordinanza della Regione

Covid, il Tar respinge il rientro immediato a scuola | Si attende la nuova ordinanza della Regione

Massimo Sbardella

Covid, il Tar respinge il rientro immediato a scuola | Si attende la nuova ordinanza della Regione

Mer, 02/12/2020 - 15:32

Condividi su:


Covid, il Tar respinge il rientro immediato a scuola | Si attende la nuova ordinanza della Regione

Il Tar dell’Umbria ha respinto la richiesta, avanzata da un gruppo di genitori, di sospendere immediatamente l’ordinanza con cui la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, obbliga alla didattica a distanza gli studenti delle classi seconde e terze della scuola media.

Senza entrare nel merito del provvedimento, il presidente del Tar ha per ora respinto, senza contraddittorio, la richiesta di sospendere gli effetti dell’ordinanza regionale per il tempo che andava dal deposito del ricorso (lunedì) alla data fissata per l’udienza. Nel ricorso, infatti, i genitori avevano chiesto di far tornare gli studenti a scuola subito, sospendendo gli effetti dell’ordinanza regionale, anche senza attendere la costituzione della controparte e la fissazione dell’udienza per discutere la questione nel merito.

Sospensione, tempi troppo stretti

La sospensione avrebbe comportato un ritorno a scuola di soli tre giorni, visto che l’ordinanza oggi in vigore ha validità fino al 6 dicembre. Ritenendo il presidente del Tribunale che questo non sia un danno irreparabile, vista anche la situazione generale.

Tuttavia i genitori che hanno presentato il ricorso ricordano che sono quattro settimane che, ordinanza dopo ordinanza, gli studenti umbri delle medie non vanno a scuola, con un provvedimento più restrittivo rispetto a quanto previsto dal Dpcm regionale.

Si aspetta la nuova ordinanza di Tesei

Ora dipenderà dalla nuova ordinanza della presidente Tesei. Perché se si riaprono tutte le scuole medie, allora si perderebbe l’interesse da perseguire con il ricorso al tar.

Se invece nel nuovo provvedimento dovesse essere previsto il prolungamento dello stop alle lezioni in presenza, allora i genitori, presumibilmente, saranno costretti ad impugnare anche la nuova ordinanza.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!