Covid, a Gubbio 444 casi in 5 giorni "A carnevale giovani poco prudenti" - Tuttoggi

Covid, a Gubbio 444 casi in 5 giorni “A carnevale giovani poco prudenti”

Davide Baccarini

Covid, a Gubbio 444 casi in 5 giorni “A carnevale giovani poco prudenti”

Sab, 12/03/2022 - 14:34

Condividi su:


Il fisico Luca Gammaitoni spiega le cause di questa anomala ricrescita "Quello che bisogna fare lo conosciamo ma facciamo fatica ad applicarlo" | Gubbio schizza a 740 casi (due settimane fa era a 422)

Prosegue, da ormai 10 giorni, la fase di (ri)crescita dei contagi in Umbria (anche oggi +1714 casi), dove anche l’Alto Chiascio – specie Gubbio e Gualdo Tadino – fa registrare numeri molto più alti rispetto a qualche settimana fa.

Soprattutto nel Comune dei Ceri le cifre tornano a preoccupare non poco: in soli 5 giorni sono stati 444 i nuovi positivi eugubini (a fronte di 290 guariti), con il totale che è schizzato a 740 (due settimane fa erano 422). In questo lasso di tempo sono rimasti stabili anche i ricoverati (5) e l’unica terapia intensiva presente in tutta la Fascia appenninica.

La causa di questa ricrescita – sostiene il fisico Luca Gammaitoni in riferimento alla situazione generale umbra – è molto probabilmente attribuibile ad una ripresa della socialità poco prudente, nella fascia giovanile (14-24 anni) durante il periodo di carnevale. Nella settimana appena trascorsa la crescita si è allargata per contagio dalla fascia giovanile a tutte le altre fasce di età, bambini piccoli e ultra cinquantenni compresi. Solo gli ultra ottantenni sembrano stabili”.

Un’impennata di contagi che, di fatto, sposta ancora in avanti la data di uscita da questa fase epidemica. “Di quanto non è facile dirlo ma è ragionevole ipotizzare almeno un mese”. Con la crescita dei contagi riprenderà inevitabilmente anche quella delle ospedalizzazioni: “Quello che bisogna fare lo conosciamo bene ma facciamo fatica ad applicarlo: vaccinarsi, utilizzare le precauzioni (mascherina e distanziamento), evitare luoghi chiusi e affollati.

Per quanto riguarda gli altri Comuni della Fascia una risalita, seppur molto più contenuta, è avvenuta anche a Gualdo Tadino, che ad oggi si attesta a 179 (lo scorso 5 marzo era a 134), tra cui vi sono solo 2 ricoveri. A seguire troviamo Sigillo a 41, Valfabbrica a 39 (1 ricovero), Fossato di Vico a 23 (1 ricovero) e le più altalenanti Scheggia e Costacciaro, entrambi però a soli 6 casi.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!