Covid Castello, +12 positivi e 71^ vittima "In aumento casi tra giovanissimi" - Tuttoggi

Covid Castello, +12 positivi e 71^ vittima “In aumento casi tra giovanissimi”

Davide Baccarini

Covid Castello, +12 positivi e 71^ vittima “In aumento casi tra giovanissimi”

Ven, 23/04/2021 - 16:11

Condividi su:


Il sindaco tifernate Luciano Bacchetta mette in guardia cittadini "Necessario adottare il massimo senso civico, in vista del 26 aprile verranno intensificati controlli forze dell’ordine”

Dopo oltre un mese in picchiata tornano ad aumentare i casi di contagio da Covid-19 a Città di Castello. Anche nelle ultime 24 ore si sono infatti registrati 12 nuovi positivi a fronte di 9 guariti (totale risalito a 150). E purtroppo arriva pure un altro decesso, la 71^ vittima tifernate da inizio pandemia.

Incremento anche dei tamponi, “Troppi giovanissimi contagiati”

Preoccupato di questa recente inversione di tendenza, che in questi giorni ha visto anche un incremento di tamponi al ‘drive through’ del Centro Servizi di Cerbara, è lo stesso sindaco Luciano Bacchetta, il quale ha evidenziato come tra i nuovi positivi ci siano soprattutto “giovani e giovanissimi”.

Bacchetta preoccupato

La circolazione del virus, che sembrava essere molto ridimensionata fino ai giorni scorsi, è ripartita in modo significativo e ci deve far stare molto attenti, anche in vista delle riaperture del 26 aprile”, aggiunge il primo cittadino – Il fatto che a essere più coinvolti siano adolescenti e bambini ci fa temere che gli assembramenti fra ragazzi, non tanto nelle scuole, ma fuori, prima e dopo le lezioni, determinino inevitabilmente una ripesa dei contagi”.

Più controlli dal 26 aprile

E’ molto importante che la scuola riparta, ma è altrettanto importante che i risultati faticosamente raggiunti con una grande diminuzione di casi positivi al Covid-19 non vengano vanificati”, rimarca Bacchetta, nel preannunciare che in vista delle riaperture del 26 aprile verranno intensificati i controlli delle forze dell’ordine. “I controlli non bastano però se non si abbina a essi il senso civico” puntualizza il sindaco rivolgendosi in particolare “ai giovani, che purtroppo sono una delle categorie più penalizzate da quest’anno durissimo, fatto di limitazioni anche personali”.

Mobilitazione Muzi Betti

Il sindaco ha infine anticipato l’adesione dell’amministrazione comunale di Città di Castello all’iniziativa che si svolgerà martedì mattina (27 aprile) a Perugia, davanti alla Regione, di cui sarà protagonista l’Asp Muzi Betti insieme alle case di riposo di Assisi, Gualdo Tadino e Gubbio. “Saremo presenti, come è giusto e doveroso – spiega Bacchetta – I responsabili delle residenze per anziani manifesteranno affinché vengano affrontati i loro problemi, nel contesto di una situazione resa drammatica dall’impossibilità di accettare le richieste per nuovi ospiti. L’aumento delle rette, che deve essere a carico della Regione e non dei cittadini, è una ‘conditio sine qua non’ per la sopravvivenza di queste case di riposo”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!