Per ‘Cotta o Cruda’ un bilancio positivo e per il 2018 si annunciano grandi novità

Per ‘Cotta o Cruda’ un bilancio positivo e per il 2018 si annunciano grandi novità

Cristiana Mariani, presidente di Confesercenti lavora al Festival Internazionale degli Artisti di Strada | Al sindaco di Amatrice gli incassi degli spettacoli

share

A due giorni di distanza dalla chiusura della settima edizione, gli organizzatori del Festival internazionale della birra artiginale ‘Cotta o Cruda…mai nuda’, tracciano un bilancio dell’evento.

“Le nuove e sempre più stringenti misure in materia di sicurezza pubblica, ci hanno di fatto portato a fare i conti con una sostanziale riduzione degli spazi disponibili – spiega Cristiana Mariani, presidente della Confesercenti territoriale – questo ha anche significato una diminuzione degli stand e quindi dall’offerta dei prodotti. Nonostante questo – fa sapere – considerando il complessivo dei quattro giorni, possiamo dire che ci siamo tenuti sostanzialmente sui livelli della scorsa edizione, che tra l’altro – sottolinea – aveva registrato un aumento del 20% delle presenze sul 2015 e questo ci rende ovviamente soddisfatti.”

A cambiare è anche la tipologia dei clienti e dei frequentatori di ‘Cotta o Cruda…mai nuda’.

“Quest’anno abbiamo registrato molte presenze del nord Italia, dell’area romana e della bassa toscana, con un ulteriore aumento dei vicini marchigiani – rileva la presidente Mariani – questo è dovuto al fatto che l’evento ha una propria capacità di attrazione, radicata ormai in questi sette anni, confermata dall’attenzione della stampa e dei portali on line specializzati. Dall’altra, riusciamo a calamitare moltissimi turisti già presenti nel resto dell’Umbria, che scelgono di passare una serata a Foligno tra birre artigianali, street food di qualità e spettacoli”.

Ed a proposito di eventi collaterali, la presidente di Confercenti annuncia per il prossimo la nascita di un vero e proprio Festival internazionale degli artisti di strada nel centro storico di Foligno.

“Visto il successo dell’anteprima Arte in Strada, vogliamo dar vita ad un’iniziativa completamente dedicata a questo settore – aggiunge la Mariani – magari da sviluppare in sinergia con l’Ente Giostra della Quintana ed il Festival Segni Barocchi”.

Grazie ai biglietti acquistati per assistere agli spettacoli ed i concerti che si sono tenuti nel beer garden di piazza Matteotti, sono stati raccolti 725 euro da destinare in beneficenza alla comunità di Amatrice.

“Lo scorso anno grazie a tagli, risparmi, autoriduzione di alcuni compensi e raccolta fondi abbiamo già donato tremila euro – conclude Cristiana Mariani – entro settembre una delegazione della Confesercenti sarà ricevuta dal sindaco di Amatrice per la consegna di questi ulteriori fondi”.

share

Commenti

Stampa