Corteo Storico e delle Dame, tutte le novità dopo 2 anni di attesa - Tuttoggi

Corteo Storico e delle Dame, tutte le novità dopo 2 anni di attesa

Redazione

Corteo Storico e delle Dame, tutte le novità dopo 2 anni di attesa

Dom, 12/06/2022 - 09:39

Condividi su:


Si parte venerdì 17 giugno con la sfilata delle Dame in notturna, domenica 19 il grande appuntamento con 430 figuranti, 44 tamburi e 100 bandiere

Dopo due anni di pandemia, Orvieto torna a vivere il suo periodo più bello – quello delle feste identitarie di primavera – nel segno della tradizione, ma anche del rinnovamento.

Le novità dell’edizione 2022 sono state presentate mercoledì 8 giugno nella Sala Consiliare del Comune, dal vicepresidente dell’Associazione “Lea Pacini” Marcello Meffi, che ha portato i saluti del presidente, Silverio Tafuro, e da Fabio Cimicchi, responsabile dei musici, e dal sindaco Roberta Tardani. Archiviata la Pentecoste, dopo la partecipazione di tamburi e chiarine in Piazza Duomo, domenica 5 giugno, in occasione della festa della Palombella, si entra nel vivo degli appuntamenti che precedono il Corpus Domini.

Ieri – sabato 11 giugno – al Museo “Emilio Greco” è stato presentato in anteprima il nuovo costume da dama – in aggiunta ai circa 130 di dame e damigelle già esistenti – realizzato dalla Scuola di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano. In particolare da Michela Invernizzi, studentessa iscritta al Biennio Specialistico di Costume per lo Spettacolo che ha ideato il bozzetto e, in team con altri studenti, curato la confezione dell’abito. Il nuovo costume è fortemente identitario dal momento che “prende in prestito” dalla facciata del Duomo il rosone e, rielaborandolo, ne fa un motivo ornamentale, moltiplicandolo sulla cottardita foderata con raso di seta color terra bruciata.

Ci sarà anche una nuova uscita in notturna, dopo l’apprezzato esperimento pre-pandemia, attesa per venerdì 17 giugno, a partire dalle 21. Le dame partiranno dall’ex Caserma Piave, percorreranno Corso Cavour per poi disporsi in Piazza della Repubblica. Qui verrà eseguita la musica composta per l’occasione da Fabio Cimicchi, responsabile dei Musici del Corteo Storico, che fa da base per l’esibizione del Gruppo Sbandieratori del Corteo Storico di Orvieto, pronto a fare il suo debutto – o meglio – il suo ritorno, recuperando la tradizione avviata nel 1967. Il Corteo delle Dame proseguirà poi verso Piazza Duomo per assistere allo spettacolo di fuoco e giochi di luce della Compagnia “Lux Arcana” di Città di Castello.

Giovedì 16 giugno alle 21.15 nella Chiesa di Sant’Andrea avrà luogo il concerto accompagnato da alcuni brani sul mistero dell’Eucaristia con letture di Edoardo Siravo e Gabriella Casali. Ad esibirsi saranno Myungjae Kho (soprano), Gabriele Anselmi (tromba) e la Corale Sant’Andrea. M° Riccardo Cambri, pianoforte e direzione.

Ha il sapore della ripartenza anche la 71^ edizione del Corteo Storico, considerato uno dei più belli d’Italia, che tornerà a sfilare per le vie della città nella mattina di domenica 19 giugno, solennità del Corpus Domini, a partire dalle 10. A rendere omaggio ad una storia lunga oltre 750 anni ci saranno 430 figuranti, 44 tamburi e 100 bandiere. Occhi puntati sulla veste del Capitano del Popolo, creata ex novo dalla Fondazione “Arte della Seta Lisio” di Firenze, riproducendo a telaio lo stesso tessuto Lorenzetti. A ridosso della sfilata, il costume lascerà le sale del Museo “Claudio Faina” che lo vedono al centro di un percorso storico, artistico e fotografico inaugurato il 9 aprile scorso, che si concluderà il 19 giugno prendendo vita nella città.

Tra i costumi che sfileranno ci sono anche i cinque riprodotti fedelmente, a partire dai modelli originali, durante il lockdown dalla sartoria interna dell’Associazione per sostituire quelli ormai obsoleti. Altra novità, il restauro dei circa 30 stendardi che vengono montati sui palazzi della città e lungo il percorso della sfilata. Da lunedì 6 a domenica 19 giugno, infine, lungo la galleria del centro commerciale “Porta d’Orvieto” sarà allestita la mostra “I Quartieri di Orvieto nel Corteo Storico” realizzata con gli scatti inediti di alcuni fotografi. Tanti appuntamenti e collaborazioni prestigiose, insomma, per sigillare la ripartenza e restituire il giusto splendore ad una festa in grado di attrarre sulla Rupe visitatori da tutto il mondo.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!