Coronavirus, ritardi sui prestiti: dopo le minacce subite in banca presentati esposti in Procura

Coronavirus, ritardi sui prestiti: dopo le minacce subite in banca presentati esposti in Procura

Redazione

Coronavirus, ritardi sui prestiti: dopo le minacce subite in banca presentati esposti in Procura

I sindacati: la gente esasperata se la prende con chi è allo sportello
Mer, 06/05/2020 - 18:06

Condividi su:


Anche in Umbria i segretari nazionali dei sindacati dei bancari Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin hanno presentato esposti alle Procure per denunciare “il crescente e inaccettabile clima di odio contro il settore bancario e, in particolare, verso la categoria delle lavoratrici e dei lavoratori delle banche“.

Ancora difficoltà per i bancari, che dall’inizio dell’emergenza Coronavirus hanno continuato a lavorare, nonostante persone malate e segnalazioni di criticità e reati.

Nel mirino dei sindacati gli annunci fatti dal Governo circa le misure economiche a favore di famiglie e imprese esasperate dall’emergenza Coronavirus. Annunci fatti spesso senza che sia stata consentita o comunque verificata la piena e immediata applicabilità delle misure. Con il risultato che i clienti, spesso, se la prendono con gli impiegati di banca.

I ritardi

Si tratta di un clima di odio pericoloso – accusano i sindacati – che trae origine dalla necessità di individuare a tutti i costi un colpevole per i ritardi che si stanno verificando in relazione al decreto liquidità del Governo e ai prestiti garantiti dallo Stato, che vengono erogati con alcune difficoltà mai imputabili alle lavoratrici e ai lavoratori bancari. Negli ultimi giorni, l’attenzione di tutti i media su questo argomento è cresciuta sensibilmente e, peggio ancora, vengono diffuse e mandate in onda telefonate registrate con gli operatori bancari, con il solo becero obiettivo di dare la colpa a qualcuno. Se si verificheranno violenze fisiche gravi o, peggio, se ci ‘scapperà’ il morto, la colpa sarà sia di chi ha contribuito a scatenare questo clima d’odio sia di chi fa cattiva informazione“.

I casi più gravi

Sileoni, Colombani, Calcagni, Masi e Contrasto informano che nelle ultime settimane, la tensione nella rete delle filiali è cresciuta costantemente, con casi di violenze e aggressioni verbali, minacce, offese, insulti, soprusi, sputi. E poi vetrine prese a sassate, ruote delle autovetture bucate e perfino finti pacchi bomba. I fatti di cronaca più gravi si sono verificati a Bari, Salerno, Torino, Alghero. Ma per i sindacati tutta l’Italia è una polveriera. Da qui gliesposti presentati in ogni Procura.

La situazione in Umbria

In Umbria, per fortuna, non si è arrivati a questi eccessi. Anche se i sindacati hanno raccolto anche qui i timori di bancari che sono stati insultati ed anche verbalmente minacciati di fronte ad un rifiuto comunicato a un cliente. Al punto che nei giorni di avvio delle pratiche per i prestiti fino a 25mila euro il prefetto di Perugia aveva dato indicazione alle forze dell’ordine perché monitorassero la situazione di fronte agli sportelli bancari.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!