Coronavirus, i casi ad Assisi salgono a 14 | Il sindaco: "Non dobbiamo cedere

Coronavirus, i casi ad Assisi salgono a 14 | Il sindaco: “Non dobbiamo cedere

Redazione

Coronavirus, i casi ad Assisi salgono a 14 | Il sindaco: “Non dobbiamo cedere

L'appello a rispettare e norme a non uscire di casa
Mar, 24/03/2020 - 21:24

Condividi su:


Coronavirus, i casi ad Assisi salgono a 14 | Il sindaco: “Non dobbiamo cedere

Sono saliti a 14 i casi positivi sul territorio di Assisi. Lo ha comunicato in serata il sindaco Stefania Proietti dopo aver ricevuto le comunicazioni ufficiali da parte dell’Ufficio Igiene e Sanità Pubblica della Usl Umbria 1.

In linea con la tendenza regionale, anche ad Assisi sta aumentando il numero delle persone risultate positive al tampone del Covid-19.

A tutti coloro che si trovano in isolamento ai loro familiari – scrive il sindaco – vanno il pensiero e la vicinanza dell’amministrazione comunale“.

Il sindaco, in qualità di responsabile del COC (Centro operativo comunale) aperto presso gli uffici di Santa Maria degli Angeli, continua a seguire e monitorare la situazione, anche nell’assistenza alle famiglie colpite e alla popolazione. E anche in quest’occasione ribadisce l’invito a tutti i cittadini a rimanere a casa in osservanza delle misure restrittive disposte a livello governativo: “E’ comprensibile un sentimento di disorientamento e sfiducia ma non dobbiamo cedere, anzi dobbiamo tutti rispondere con responsabilità e coraggio rimanendo a casa perché soltanto così possiamo bloccare il contagio del virus. In questo momento siamo tutti in prima linea perché dipende da noi la diffusione del Covid-19, dipende da ognuno di noi se l’infezione si propaga e propaga noi stessi e i nostri cari. Voglio ringraziare chi ha maturato la consapevolezza dell’emergenza e osserva con rigore quanto prescritto, voglio sollecitare chi non ha ancora acquisito tale consapevolezza a farlo in fretta perché solo affrontando insieme questo momento possiamo farcela a lasciarcelo alle spalle e pensare al futuro”.


Condividi su: