Coronavirus, giunta delibera proroga scadenze di alcune tasse comunali - Tuttoggi

Coronavirus, giunta delibera proroga scadenze di alcune tasse comunali

Redazione

Coronavirus, giunta delibera proroga scadenze di alcune tasse comunali

Nuove date per imposta sulla pubblicità e di soggiorno, prima rata Tari al 30 giugno 2020
Sab, 28/03/2020 - 10:23

Condividi su:


Coronavirus, giunta delibera proroga scadenze di alcune tasse comunali

La giunta di Gubbio, nel contesto della grave emergenza coronavirus, ha deciso di prorogare la scadenza di alcune tasse comunali.

A partire dall’imposta sulla pubblicità anno 2020, l’organo esecutivo ha deliberato una rateizzazione, le cui prossime scadenze saranno il 30 settembre e il 31 dicembre 2020. Il Concessionario Dogre S.r.l. sarà chiamato a comunicare, non appena possibile, i nuovi importi da pagare ai singoli contribuenti beneficiari della rateizzazione.

L’amministrazione ha poi riferito che, per quanto riguarda i tributi comunali e le entrate patrimoniali non ancora oggetto di provvedimenti di proroga, quali ad esempio Imu e Cosap, “si riserva di procedere tenendo conto sia dell’eventuale perdurare dell’emergenza sia di eventuali e futuri atti che il Governo dovesse porre in essere“.

Sul pesante impatto che stiamo scontando sul nostro tessuto socio- economico anche dal punto di vista turistico, – hanno detto il sindaco Filippo Mario Stirati e l’assessore al Bilancio Giordano Mancini si è deliberata la proroga al 15 settembre dell’obbligo, da parte dei titolari di strutture ricettive, di riversamento delle somme introitate a titolo d’imposta di soggiorno nel 1° quadrimestre 2020. Si è prorogato altresì al 20 settembre l’obbligo da parte dei titolari di strutture ricettive di dichiarazione delle somme introitate a titolo d’imposta di soggiorno nel 1° quadrimestre 2020, fatta salva la possibilità di ulteriore proroga“.

La Giunta comunale ha infine prorogato al 30 giugno 2020 il versamento della prima rata della Tassa Rifiuti (Tari) per tutte le tipologie di utenze domestiche e non domestiche. “Forte è la consapevolezza – concludono sindaco e assessore – della grave condizione economica che si va delineando per le famiglie e per tutti gli ambiti socio economici del nostro territorio, con seri rischi per i già precari livelli occupazionali e per la continuità di iniziativa di tutto il mondo associazionistico“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Verisone più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!