Coronavirus a scuola, classe e prof in quarantena | Parla un docente "Disorganizzazione" - Tuttoggi

Coronavirus a scuola, classe e prof in quarantena | Parla un docente “Disorganizzazione”

Sara Cipriani

Coronavirus a scuola, classe e prof in quarantena | Parla un docente “Disorganizzazione”

Lun, 05/10/2020 - 17:05

Condividi su:


La testimonianza di un professore finito in quarantena per un caso Covid in classe

Coronavirus e scuola, continuano le criticità all’interno degli istituti scolastici sempre più colpiti da casi Covid.

Alunni e professori in quarantena

Intere classi e docenti in quarantena per un solo alunno risultato positivo al virus con tutti i disagi che ne conseguono stanno mettendo a dura prova il sistema scolastico che, grazie alla dedizione di dirigenti e docenti, al momento sembra tenere abbastanza.

Casi a Terni

L’ultimo caso di una classe in quarantena è di oggi e riguarda la scuola superiore “Galilei” di Terni con tre professori finiti in isolamento. Nei giorni scorsi era toccato anche all’istituto “Casagrande” e all’Itis dove sono scattati prontamente i protocolli anti Covid disposti dai rispettivi dirigenti.

Il caso di un prof ternano

Il problema, oltre a ripercuotersi su alunni e famiglie genera confusione anche tra il personale docente. Un professore di una scuola di Terni racconta a TO di essere stato sottoposto a quarantena da alcuni giorni, ma di non aver ancora ricevuto la telefonata dalla Usl per il tampone, quando gran parte dei colleghi e degli alunni della classe interessata hanno già svolto l’esame clinico.

Prof in quarantena, niente Dad

Non solo. I docenti sottoposti alla misura di isolamento non possono svolgere la didattica a distanza perché considerati ‘in malattia’, circostanza che costringe a cambiamenti di orari e soluzioni dell’ultimo minuto per consentire ai docenti non isolati di svolgere la didattica a distanza per gli alunni positivi. Ovviamente non sempre i docenti che sostituiscono sono titolari della materia del professore ‘assente’ e questo provoca squilibri nel processo formativo degli studenti. Le scuole più ‘fortunate’ sono riuscite ad avere a disposizione ‘l’organico Covid’, cioè un contingente extra di docenti assunti con contratto a termine che può essere rescisso nel momento in cui l’emergenza dovesse terminare ma, per le altre, tutto è lasciato all’organizzazione interna degli istituti.

Caos cattedre

Molti di questi non hanno ancora docenti in cattedra, visto il caos di quest’anno nella chiamata dalle graduatorie di istituto per i docenti precari.

La testimonianza

Nonostante gli stessi docenti siano stati formati a distanza sull’utilizzo degli strumenti digitali, con spese ingenti da parte del Miur, non possono mettere a frutto le nuove competenze acquisite. “Ho frequentato corsi di aggiornamento continuo per la didattica a distanza – spiega il docente ternano a TO – ma non mi si permette di svolgere il mio lavoro perché sono in malattia. Inoltre non ho ancora ricevuto la chiamata dall’Usl per effettuare il tampone, ma quasi tutti i miei colleghi e gli alunni sono già stati sottoposti all’esame. Nonostante il ministro Azzolina – conclude – abbia assicurato che si era attrezzati per sostenere l’emergenza mi sembra che tutto sia lasciato troppo al caso, senza un’organizzazione adeguata”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!