Cooperazione sanitaria, l'Umbria impegnata per donazioni medicinali plasma-derivati - Tuttoggi

Cooperazione sanitaria, l’Umbria impegnata per donazioni medicinali plasma-derivati

Redazione

Cooperazione sanitaria, l’Umbria impegnata per donazioni medicinali plasma-derivati

Intervento di Walter Orlandi a Roma per la tavola rotonda organizzata su iniziativa della Fondazione EMO onlus
Gio, 23/11/2017 - 11:41

Condividi su:


“L’Assessorato alla Salute della Regione Umbria è fortemente impegnata, insieme ad altre Regioni italiane, nella cooperazione internazionale sanitaria che ha come obiettivo di andare incontro ai bisogni delle popolazioni più deboli dal punto di vista sanitario e la cui popolazione è esposta per varie ragioni a patologie gravi, tra cui l’emofilia”: lo ha affermato il direttore regionale dell’Assessorato alla Salute della Regione Umbria, Walter Orlandi, intervenuto a Roma alla tavola rotonda organizzata su iniziativa della Fondazione EMO onlus, con il patrocinio della Federazione delle Associazioni Emofiliaci Onlus e la collaborazione del Centro Nazionale Sangue-Istituto Superiore di Sanità.

Nel corso dell’incontro, il cui tema era “La cooperazione internazionale e l’esportazione di medicinali plasma derivati a fini umanitari” e al quale hanno partecipato, tra gli altri, anche rappresentanti del Ministero della Salute, è stato ricordato che le donazioni dei farmaci plasmaderivati rientrano nell’accordo quadro Stato Regioni del 7 febbraio 2013 che promuove la collaborazione per l’esportazione di medicinali plasmaderivati a fini umanitari e lo sviluppo delle reti assistenziali nei Paesi coinvolti. Grazie all’Accordo dal 2013 ad oggi sono partiti molti progetti di cooperazione internazionale che hanno reso possibile donare medicinali plasmaderivati indispensabili a pazienti emofilici in diversi Paesi del mondo. Tra questi Afghanistan, Albania, Armenia, India e Serbia,in futuro gli interventi verranno estesi anche a Palestina, Kosovo, Egitto, El Salvador e Bolivia.

“La Regione Umbria – ha sottolineato il direttore Orlandi – porta avanti questa iniziativa umanitaria anche nell’interesse delle strutture sanitarie regionali, della loro operatività e delle loro finalità solidaristiche. In questo contesto è anche importante il ruolo del volontariato organizzato che si conferma come un collaboratore forte per le istituzioni”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!