CONSULTE DI QUARTIERE, SI ANDRA' A VOTARE IL 17 GENNAIO. IL SINDACO HA FIRMATO IL DECRETO - Tuttoggi.info

CONSULTE DI QUARTIERE, SI ANDRA' A VOTARE IL 17 GENNAIO. IL SINDACO HA FIRMATO IL DECRETO

Redazione

CONSULTE DI QUARTIERE, SI ANDRA' A VOTARE IL 17 GENNAIO. IL SINDACO HA FIRMATO IL DECRETO

Lun, 16/11/2009 - 12:28

Condividi su:


Il sindaco di Foligno, Nando Mismetti, ha firmato il decreto per lo svolgimento, in data 17 gennaio, delle elezioni per le Consulte di quartiere. Le consulte sono le seguenti: centro storico-Palombaro (n.1 – sede in piazza della Repubblica, sala della Corte), Borroni-Corvia-Scafali-Sterpete-Cave-Casevecchie- Budino-Fiamenga-Maceratola (n.2 – Via Monte Pennino n.2-Borroni); Viale Firenze-Subasio-Agorà (n. 3 via Mameli, prefabbricato Prato Smeraldo); Flaminio-Ina Casa-Uppello (n.4 centro commerciale via Raffaello Sanzio, Sportella Marini); Sant'Eraclio (n.5 Casa Castellana); S.Giovanni Profiamma-Belfiore-Vescia-Capodacqua-Belfiore-Vescia-Capodacqua-Pontecentesimo (n. 6 – centro sociale Colle San Lorenzo, via Chiesa Vecchia 2); Annifo-Colfiorito (n. 7 – Le Casermette, via Adriatica); Valle del Menotre (n. 8 – struttura sociale nel campo container di Casenove). Le candidature devono essere presentate nei giorni 17 dicembre (8-14 e 15-18) ed il giorno 18 dicembre (8-14), all'ufficio elettorale del Comune. La commissione consiliare competente procederà, entro i due giorni successivi alla verifica della ammissibilità delle stesse, procedendo, ove possibile alla regolarizzazione di eventuali errori materiali. Sono elettori della Consulta di quartiere i cittadini residenti nel territorio della Consulta – anche gli immigrati in possesso del permesso di soggiorno – che abbiano compiuto i 16 anni di età. Sono eleggibili alla carica di consigliere tutti i residenti nel territorio della consulta che non si trovino in una delle condizioni previste dagli articoli 58, 60 e 63 del testo Unico approvato con decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e che abbiano compiuto i 18 anni di età. Nessuno può presentarsi candidato in più di una lista della stessa Consulta. Le liste dei candidati per ciascuna Consulta sono sottoscritte da un numero di elettori residenti nel quartiere non inferiore a 50. Nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore ai tre quarti dei consiglieri da eleggere. Alla lista o coalizione che avrà riportato la maggioranza relativa dei voti sarà attribuito il 60% dei seggi, escludendo dal novero i membri di diritto e che nel caso di coalizione di più liste, saranno assegnati con sistema proporzionale. Alle liste o coalizioni “perdenti” saranno attribuiti i seggi restanti con sistema proporzionale. “Non c'è nessuna fretta sospetta – afferma l'assessore Elisabetta Piccolotti in risposta a quanto dichiarato dal consigliere Daniele Mantucci – stiamo dando seguito ad una decisione del Consiglio comunale precedente che ha stabilito il termine di 6 mesi dalle elezioni del 6 e 7 giugno scorso per l'indizione delle elezioni di Consulte di quartiere. In ogni caso dalla firma dei decreti, c'è almeno un mese in cui i cittadini possono preparare la presentazione delle liste e dei documenti politici. Nei prossimi giorni sarà affisso un manifesto che riporterà il decreto di indizione delle elezioni e verrà promossa una campagna di comunicazione e sensibilizzazione che arriverà fino al 17 gennaio, giorno delle votazioni. Le dichiarazioni di Mantucci sono strumentali e inopportune: 50 firme per presentare una lista sono veramente poche. Basterebbero le famiglie dei candidati. In più abbiamo allargato a migranti e giovani la possibilità di votare ed essere candidati. Ci sembra un passo avanti. Speriamo che siano molti i cittadini e le cittadine che decideranno di partecipare e di utilizzare questo strumento che viene messo a disposizione della collettività”.


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_foligno

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!