Consiglio comunale saltato, la maggioranza punta il dito contro l'opposizione - Tuttoggi

Consiglio comunale saltato, la maggioranza punta il dito contro l’opposizione

Sara Fratepietro

Consiglio comunale saltato, la maggioranza punta il dito contro l’opposizione

Assenze per motivi non politici, ma nessun chiarimento dalla maggioranza su chi ha lasciato il palazzo comunale prima del secondo appello
Ven, 20/12/2019 - 07:52

Condividi su:


Consiglio comunale saltato, la maggioranza punta il dito contro l’opposizione

Nessun motivo politico alla base delle assenze dei consiglieri di maggioranza giovedì in consiglio comunale. E’ quanto sostiene una nota firmata “maggioranza comunale“, inviata alla stampa dal capogruppo di Forza Italia Filippo Ugolini, dove si cerca di mettere una toppa a quanto accaduto in Comune nelle ultime ore.

In riferimento alle dichiarazioni a mezzo stampa dei consiglieri di minoranza sulla mancanza del numero legale per la validità del Consiglio comunale di oggi teniamo a precisare che i consiglieri risultati assenti lo sono stati per dinamiche diverse da quelle di partito o ideologiche, bensì per problematiche lavorative e familiari dalle quali gli stessi, per lo stesso senso di dovere che li porta ad operare per la nostra città, non si sono potuti esimere” si legge nella nota a firma appunto della maggioranza consiliare.

Ma se si giustificano in questo modo i quattro consiglieri che giovedì mattina erano assenti al primo appello fatto dal segretario (Massimiliano Montesi, Paola Vittoria Santirosi, Riccardo Fedeli e Stefano Polinori), nessun riferimento viene fatto ai tre consiglieri di maggioranza che hanno lasciato l’aula prima del secondo appello (Marina Morelli, Cesare Loretoni e Stefano Proietti).

Spoleto, 7 consiglieri di maggioranza assenti: salta il consiglio comunale

Nessun chiarimento, quindi, in realtà, ma arriva invece un attacco alle forze di opposizione che hanno voluto evidenziare i problemi interni alla maggioranza chiedendo la verifica del numero legale e lasciando l’aula.

“Prendiamo – incalza la nota della maggioranza – inoltre atto che i consiglieri di minoranza, per una volta nella quale avrebbero potuto incidere per il bene della città, hanno preferito scegliere logiche di partito e di contrapposizione ideologica nonostante l’importanza, per loro stessa ammissione, degli argomenti che si sarebbero dovuti trattare. Questo soprattutto in considerazione che non si può mai parlare di un Consiglio comunale di maggioranza bensì di un Consiglio comunale di Spoleto”.


Condividi su:


Aggiungi un commento