Comune Todi rinegozia mutui, soddisfatta l'opposizione del PD - Tuttoggi

Comune Todi rinegozia mutui, soddisfatta l’opposizione del PD

Redazione

Comune Todi rinegozia mutui, soddisfatta l’opposizione del PD

Manuel Valentini, capogruppo PD, "si possano convogliare queste risorse liberate alleggerendo il carico fiscale sulle attività produttive e rafforzando i servizi sociali"
Gio, 28/05/2020 - 09:14

Condividi su:


Comune Todi rinegozia mutui, soddisfatta l’opposizione del PD

Nel Consiglio Comunale di ieri, 27 maggio 2020, in modo quasi unanime e concorde, si è autorizzato l’operazione di rinegoziazione dei mutui contratti dal Comune di Todi con la Cassa Depositi e Prestiti, a seguito della circolare n.1300 emessa proprio dalla Cassa il 23 aprile scorso.

Si tratta di un’operazione che dà sollievo immediato alle casse comunali. L’agevolazione approvata da Cassa Depositi e Prestiti prevede la sospensione del pagamento delle quote in conto capitale da restituire nel 2020 per tutti i prestiti rinegoziati, in maniera semplificata.

Questo permette al Comune di liberare risorse finanziarie senza vincoli di destinazione, indispensabili per fronteggiare l’emergenza in atto nella nostra comunità cittadina.

Stiamo parlando per l’anno corrente di una cifra pari a 178.000 euro– specifica in una nota Manuel Valentini, Capogruppo Pd in Consiglio Comunale che ben dovranno essere impegnate per fronteggiare le conseguenze socio-economiche prodotte dal Coronavirus. Positiva anche in prospettiva, la riduzione delle rate future, per l’allungamento della durata di molti dei mutui esistenti. Accogliamo dunque con estrema soddisfazione questa operazione di alleggerimento del debito concessa dal Governo tramite Cassa Depositi e Prestiti.”

Confidiamo che, mantenendo la stessa unità di intenti tra maggioranza ed opposizione, si possano convogliare queste risorse liberate alleggerendo il carico fiscale sulle attività produttive e rafforzando i servizi sociali e gli strumenti di contrasto alla povertà già presenti a livello comunali. Ribadiamo, infine,- conclude la nota di Valentini– che i Comuni continuano ad essere in grande sofferenza finanziaria; servono risorse per salvare i bilanci, per garantire servizi primari alle comunità, per rispondere ai bisogni sociali generati dall’emergenza e alla nuove esigenze ad essa connesse. Il Governo ha già dato segnali positivi venendo incontro alle esigenze degli enti locali.

Va accelerato il passo, in un’ottica di proficua collaborazione interistituzionale.


Condividi su: