Cinghiali, le squadre: Selezione? Introdotta una nuova forma di caccia

Cinghiali, le squadre: Selezione? Introdotta una nuova forma di caccia

Redazione

Cinghiali, le squadre: Selezione? Introdotta una nuova forma di caccia

Mar, 09/02/2021 - 17:03

Condividi su:


Il Coordinamento squadre cinghialiste contro il nuovo regolamento: ennesimo attacco della politica, stop collaborazione con Enti e agricoltori

Regolamento selezione, il Coordinamento regionale squadre cinghialiste Umbria non ci sta: “Senza nessun confronto con le associazioni venatorie, si inventa il regolamento regionale per la caccia di selezione al cinghiale, introducendo di fatto una nuova forma di caccia a questa specie“.

Tutti contro i cinghiali, ma è scontro
sul nuovo regolamento caccia di selezione

“Ennesimo attacco della politica”

Per le squadre cinghialiste si tratta dell’ennesimo attacco dalla politica: “Ci si inventa una nuova forma di caccia senza prima aver regolarizzato quella in forma in singola, per la quale chiediamo certezze ormai da quattro anni“.

Cinghiali, scontro tra agricoltori, cacciatori e animalisti

E li chiamano “singoli”…

A proposito “dei singoli“, si ricorda che in realtà si tratta infatti, a tutti gli effetti, di piccole squadre, che arrivano a contare anche oltre 10 cacciatori abilitati per la caccia al cinghiale in forma singola. Che svolgono l’attività venatoria all’interno dei settori assegnati alle squadre autorizzatecreando disturbo, azioni pericolose e danno per il raggiungimento degli obiettivi d’abbattimento stabiliti dagli Atc”.

Senza aver trovato soluzioni adeguate alla pacifica convivenza – lamentano le squadre dei cinghialisti – adesso la Regione si inventa una nuova forma di caccia.

Caccia di selezione anche per i cinghiali:
il nuovo regolamento

Cinghiali abbattuti, i numeri

Si continua ad affrontare il problema cinghiale solo aumentando le forme di prelievo“. Eppure i capi presenti in Umbria continuano ad aumentare.

E la squadre dei cinghialisti riportano le cifre. La quota di cinghiali abbattuti dai proprietari agricoli “sterminator”, autorizzati a sparare in qualunque momento e senza controlli a difesa della loro attività, è pari allo 0,15% del totale degli abbattimenti, mentre l’apporto da parte “dei fantomatici singoli”, nel quadriennio, corrisponde all’1,5% dei circa 70mila capi complessivamente abbattuti.

E di fronte a questi numeri si chiedono: “Sono realmente utili alla riduzione del numero dei cinghiali le altre forme di caccia?“.

Cinghiali “salvati” dal Covid,
timori e confronto in Regione

Il ruolo delle squadre cinghialiste

E ricordano la funzione sociale gratuita delle squadre, offerta durante tutto l’anno anche al di fuori della stagione venatoria: installazione di recinzioni elettrificate (spesso di proprietà delle squadre) a difesa delle produzioni agricole, abbattimenti di contenimento per la salvaguardia delle colture e dell’incolumità pubblica, all’interno di parchi, aree verdi, dell’area aeroportuale, nelle vicinanze di centri abitati e vie.

Nonostante tutto l’impegno profuso, le serietà e gli sforzi economici sostenuti, ci troviamo puntualmente a subire attacchi da parte delle istituzioni, dei soliti animalisti e degli agricoltori. L’ostilità di questa categoria è ancor più grave considerando che i ristori dei danni provengono dalle tasche dei cacciatori, oltre alle quote stanziate dagli Atc per le colture a perdere e i miglioramenti ambientali, fondi alimentati sempre con i soldi dei cacciatori attraverso le tasse di concessione regionali e le iscrizioni all’Ambito territoriale di caccia, fino a raggiungere il massimo della vessazione nel caso in cui la copertura finanziaria stanziata si riveli insufficiente per pagare tutti i danni: in quel caso gli Atc sono autorizzati a chiedere soldi alle sole squadre di caccia al cinghiale.

Le accuse alla politica e alle associazioni agricole

Il Coordinamento delle squadre cinghialiste lamenta alla politica e alle associazioni agricole il mancato confronto nel corso degli anni: “Tavoli di concertazione, alla presenza di tutti i soggetti interessati, avrebbero permesso di riscrivere leggi e regolamenti più sobri e utili a tutti, invece di produrre atti furbeschi che hanno solo contribuito ad aggravare la situazione“.

Tavolo per il piano di gestione o stop collaborazione

Da qui l’auspicio che a breve si attivi un tavolo dove siano coinvolte tutte le parti, al fine di redigere un vero piano di gestione. “Fino a quel momento, e in attesa che la situazione in merito alle problematiche esposte si faccia più chiara, le squadre di caccia al cinghiale sospendono ogni forma di collaborazione, riservandosi ulteriori iniziative in prossimità dell’iscrizione per la stagione venatoria 2021-22.

Promosso nuovo referendum contro la caccia
Opposte mobilitazioni di animalisti e cacciatori

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!