Cinghiali, i cacciatori: noi volontari indispensabili, più disagi con i troppi lupi - Tuttoggi

Cinghiali, i cacciatori: noi volontari indispensabili, più disagi con i troppi lupi

Redazione

Cinghiali, i cacciatori: noi volontari indispensabili, più disagi con i troppi lupi

I cacciatori attaccano l'assessore Morroni e fanno le loro controproposte
Mer, 26/02/2020 - 11:54

Condividi su:


Cinghiali, i cacciatori: noi volontari indispensabili, più disagi con i troppi lupi

Rivendicano il lavoro fatto dalle squadre dei cinghislisti per il contenimento degli ungulati in Umbria i cacciatori che martedì hanno protestato davanti a Palazzo Cesaroni mentre era in corso la seduta del Consiglio regionale dell’Umbria.

A guidare la protesta del gruppo dei cinghialisti – che non ha “le bandiere” delle associazioni venatorie, ma che trova sostegno soprattutto all’interno della Federcaccia – è Fabio Faina.

I dati disponibili confermano, in maniera inconfutabile – afferma Faina a nome dei cacciatori cinghialisti che protestano – che le squadre di caccia al cinghiale svolgono una azione di controllo che è quantitativamente largamente maggiore rispetto a qualsiasi altra forma di controllo e contenimento messa in atto nei confronti della specie cinghiale“.

La replica a Morroni

Un messaggio chiaro all’assessore Roberto Morroni, che ha annunciato una serie di misure per modificare l’attività di selezione finora svolta. Tra queste, la maggior possibilità di sparare data agli agricoltori in possesso di licenza di caccia.

Ai cinghialisti le parole utilizzate dall’assessore Morroni, per il quale il “problema” dei cinghiali in Umbria è stato “lasciato senza controllo con una situazione di inerzia” sono affermazioni “inaccettabili“, che i cacciatori di cinghiale rigettano, considerandole “volgari ed offensive“.

La conferenza di Morroni: il video

Cinghiali, Morroni: ecco i dati ufficiali sugli abbattimenti in Umbria

Publiée par TuttOggi sur Mercredi 19 février 2020

Queste accuse – replica Faina – sono state rivolte alle migliaia di cacciatori che hanno speso i loro soldi, il loro tempo, messo a disposizioni i loro mezzi ed i loro fedeli cani a costo zero per la comunità. Solo nel 2019, nel territorio regionale sono stati realizzati centinaia di interventi per andare incontro agli amici agricoltori, nel pieno rispetto del loro lavoro e per garantire il più possibile il loro reddito. centinaia di interventi per garantire la sicurezza stradale onde evitare al massimo il rischio di incidenti“.

Il volontariato gratuito dei cacciatori

Migliaia di cacciatori in Umbria – prosegue Faina – sono stati chiamati a svolgere una azione di volontariato che li ha chiamati e li chiama, nel giro di poche ore, ad essere reperibili e disponibili ad intervenire in qualsiasi giorno ed a qualsiasi ora. Volontariato che abbiamo fatto, senza nessun rimborso, totalmente gratuito, e che ci ha da sempre visti pienamente collaborativi“.

La cotroproposte

Faina annuncia che i cacciatori cinghialisti faranno ulteriori proposte. “Perché siamo convinti – spiega – che il contributo di idee e di azioni non possono che venire in primis da coloro che vivono tutto l’anno i boschi e la loro fauna. il cacciatore, soprattutto in questi tempi di cambiamenti climatici, deve entrare a pieno titolo tra i soggetti principali della gestione dei territori agro-silvo-pastorali“.

Piani di censimento

I cinghialisti si rendono disponibili per per realizzare piani di censimento, al fine di “avere finalmente dati seri ed attendibili da poter utilizzare per individuare nuove e migliori azioni che consentano una gestione più efficace“.

Piani di foraggiamento

Proposti inoltre piani di foraggiamento “da condividere con la Regione e gli Atc come pratica di selezione, controllo e censimento da parte delle squadre“.

L’aumento dei lupi

I cinghialisti pongono poi il problema “dell’aumento costante della presenza della specie lupo“. Un fenomeno che “tende a spostare la specie cinghiale dai suoi habitat naturali verso le zone urbane, causando un aumento dei problemi sul versante della sicurezza stradale in primis ed anche in merito ai danni verso le colture“.

Non “criminalizzare” i cinghiali

Per i cacciatori “non ha alcun senso criminalizzare la specie cinghiale. riteniamo che nei nostri territori lo spopolamento delle zone rurali e boscate hanno lasciato incolti centinaia se non migliaia di ettari di terreni. basterebbe mettere in piedi un piano per la realizzazione di colture a perdere per abbattere in maniera drastica i danni alle coltivazioni“.

Da qui la disponibilità di maggiori interventi da parte dei cacciatori di cinghiale, “il più importante ed affidabile alleato per una ottima gestione del cinghiale“.

Gli agricoltori

I cacciatori comprendono la necessità di tutelare le attività agricole: “Il reddito degli agricoltori deve essere tutelato non con i risarcimenti, ma con la prevenzione. La prevenzione deve obbligatoriamente coinvolgere il lavoro delle squadre che sono i migliori osservatori e conoscitori dei luoghi in cui il cinghiale vive“.

La sicurezza

Ma prima di queste proposte per i cacciatori vi è una priorità che è imprescindibile: la sicurezza. “Tutti gli interventi che siamo stati chiamati a fare – ricorda Faina – sono stati realizzati garantendo azioni in piena sicurezza sotto tutti gli aspetti. sopralluoghi preventivi delle zone, segnalazione e controllo delle aree oggetto di intervento, anche avvalendoci della collaborazione delle guardie giurate volontarie e delle forze dell’ordine, comunicando tempestivamente i luoghi e gli orari di inizio e fine intervento alle autorità competenti per territorio“.

Caccia, Porzi: “C’è bisogno di un approccio serio e non strumentale”

E prima dell’inizio della seduta del Consiglio regionale la consigliera Donatella Porzi (Pd) si è affermata ad ascoltare le ragioni dei cacciatori cinghialisti.

Sulla caccia – ha detto l’esponente dem – c’è bisogno di un approccio serio e non strumentale“.


Condividi su:


Aggiungi un commento