Censimento, ancora inadempienti 120 famiglie "E' obbligo di legge, occhio a sanzioni" - Tuttoggi

Censimento, ancora inadempienti 120 famiglie “E’ obbligo di legge, occhio a sanzioni”

Redazione

Censimento, ancora inadempienti 120 famiglie “E’ obbligo di legge, occhio a sanzioni”

Sab, 04/12/2021 - 12:42

Condividi su:


A Città di Castello ben 120 famiglie su 600 non hanno ancora comilato il questionario dell'Istat, l'appello di assessore e responsabile "Ecco le scadenze da rispettare prima di incorrere nelle sanzioni previste"

“Ricordiamo ai cittadini che non avessero ancora aderito al censimento permanente dell’Istat 2021 e compilato il questionario, che è un obbligo di legge rispondere alla rilevazione statistica e possono rivolgersi agli uffici comunali di Anagrafe e Stato Civile per adempiere al proprio dovere e non incorrere nelle sanzioni previste dalla normativa”.

L’appello è dell’assessore ai Servizi Demografici Rodolfo Braccalenti, che, insieme alla responsabile Daniela Salacchi, si rivolge alle circa 120 famiglie tifernati ancora inadempienti sul campione di 600 selezionato a Città di Castello dall’Istituto Nazionale di Statistica.

Lunedì 13 dicembre scade il termine per riempire autonomamente il modello di censimento”, chiariscono Braccalenti e Salacchi, precisando che “oltre questa data i cittadini potranno procedere alla compilazione del questionario (entro e non oltre giovedì 23 dicembre) unicamente negli uffici comunali di Anagrafe e Stato Civile in via XI Settembre o con l’ausilio dei rilevatori incaricati dall’ente che operano nel territorio”.

Dopo un anno di stop dovuto al Covid-19 il censimento permanente di popolazione e abitazioni dell’Istat è ripartito con cadenza annuale e non più decennale con cui viene condotto a partire dal 2018, selezionando un campione di famiglie a ogni rilevazione e non più contemporaneamente l’intera popolazione. Nel 2021 le famiglie che partecipano al censimento sono 2 milioni 472.400 in 4.531 Comuni sull’intero territorio nazionale.

La ricognizione dell’Istat ha preso il via con il recapito di una lettera a domicilio dei cittadini sorteggiati tra settembre e ottobre, seguita dall’invio di 2 ulteriori comunicazioni per sollecitare la compilazione online del questionario. “Stiamo contattando le famiglie che ancora non abbiano avuto la possibilità di riempire il modello di censimento attraverso i nostri operatori e i quattro rilevatori, tutti dotati di tesserino di riconoscimento – spiega Salacchi – L’ufficio di censimento ai Servizi Demografici è a disposizione dei cittadini per ogni esigenza durante l’orario di apertura al pubblico, con un recapito telefonico dedicato (075.8529439) e la possibilità di prenotare appuntamenti pomeridiani con gli operatori”.

Invitiamo quanti sono stati selezionati dall’Istat ad affrettarsi a rispondere al censimento – rimarca Salacchi – senza attendere gli ultimi giorni e incorrere nelle sanzioni previste dal Decreto del Presidente della Repubblica 322/1989. I nostri uffici garantiranno massimo supporto e saranno a disposizione dei cittadini anche per confermare l’estrazione della famiglia di appartenenza nel campione statistico e verificare l’identità dei rilevatori che si presenteranno nelle abitazioni, in modo da impedire che eventuali impostori possano cercare di approfittare della situazione”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!