Celebrata a Perugia la "Virgo Fidelis", patrona dell'arma dei Carabinieri - Tuttoggi

Celebrata a Perugia la “Virgo Fidelis”, patrona dell’arma dei Carabinieri

Redazione

Celebrata a Perugia la “Virgo Fidelis”, patrona dell’arma dei Carabinieri

Nella stessa giornata sono stati commemorati il 78° Anniversario della Battaglia di Culqualber e la Giornata dell’Orfano
Gio, 21/11/2019 - 18:59

Condividi su:


Celebrata a Perugia la “Virgo Fidelis”, patrona dell’arma dei Carabinieri

Si sono svolte oggi, 21 novembre 2019, a Perugia, le celebrazioni per la Patrona dell’Arma dei Carabinieri, la “Virgo Fidelis” e sono stati commemorati il 78° Anniversario della Battaglia di Culqualber e la Giornata dell’Orfano.

La S. Messa solenne è stata officiata dall’Arcivescovo di Perugia, Cardinale Gualtiero Bassetti, presso l’Abbazia di San Pietro, a Perugia Borgo XX Giugno, alle ore 11,00. Alla cerimonia sono intervenuti numerosi Carabinieri in servizio ed in congedo con i loro familiari. Hanno partecipato, tra le tante autorità civili e militari, la Presidente della Regione Sen. Donatella Tesei, il Prefetto di Perugia Dott. Claudio Sgaraglia, il Presidente della Corte di Appello di Perugia Dott. Mario Vincenzo D’Aprile e rappresentanti dell’Autorità Giudiziaria, delle FF.pp. e delle Forze Armate della Regione, nonché le vedove e gli orfani assistiti dall’ONOMAC, l’Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari dell’Arma dei Carabinieri.

La celebrazione è stata accompagnata dal Coro “Marietta Alboni” di Città di Castello, che ha incantato i partecipanti con la magistrale esecuzione dei canti religiosi.

La Madonna Virgo Fidelis è stata nominata patrona dell’Arma dei Carabinieri nel 1949 da Papa Pio XII, in virtù della secolare tradizione dell’Arma di fedeltà alla Patria e alle Istituzioni e in analogia con il suo motto “Nei secoli fedele”.

La data del 21 novembre, giorno dedicato al culto della Vergine Fedele, coincide con uno tra i più gloriosi e sanguinosi fatti d’arme della storia dei Carabinieri: la Battaglia di Culqualber, in Africa Orientale, nella quale, nel 1941, il 1° Gruppo Carabinieri Mobilitato resistette, per quasi 4 mesi, contro soverchianti forze nemiche inglesi e abissine, a difesa di importante caposaldo, subendo ingenti perdite ed ottenendo dai nemici l’Onore delle Armi. Per l’eroica battaglia la Bandiera dell’Arma dei Carabinieri venne insignita della sua seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!