Castiglione, espulsi "boss" della gang di giovanissimi "pericolosità sociale" - Tuttoggi

Castiglione, espulsi “boss” della gang di giovanissimi “pericolosità sociale”

Redazione

Castiglione, espulsi “boss” della gang di giovanissimi “pericolosità sociale”

A 21 e 24 anni avevano già commesso una lunga sfilza di furti e rapine
Sab, 30/04/2016 - 12:05

Condividi su:


Castiglione, espulsi “boss” della gang di giovanissimi “pericolosità sociale”

Espulsi i “capi” della banda. Nelle scorse ore un’operazione congiunta tra Polizia e Carabinieri che ha permesso all’individuazione a Castiglione del Lago e al rimpatrio di un giovane albanese. Arrivato nel 2004 con la famiglia nella zona del Trasimeno, il 21enne, secondo le forze dell’ordine, avrebbe cominciato a delinquere già da minorenne, inserendosi nel contesto criminale locale, evidenziandosi per la sua costante propensione a commettere reati contro la persona e contro il patrimonio. Un giovane dal carattere rissoso, che era solito accompagnarsi a pregiudicati e che non ha mai svolto una attività lavorativa lecita.

Secondo le indagini il ragazzo avrebbe commesso 11 reati, tutti nella zona del lago Trasimeno. Così, l’Ufficio Immigrazione, su proposta dell’ Arma Carabinieri, ha predisposto nei suoi confronti alla emissione di un provvedimento di espulsione per pericolosità sociale. Il provvedimento di espulsione, convalidato dal giudice di pace, è stato immediatamente eseguito e lo straniero è già stato rimpatriato in Albania, nonostante che tutti i suoi familiari, che non hanno mai commesso reati, vivano regolarmente in Italia. Un rimpatrio complicato, visto che il giovane si è opposto agli uomini in divisa.

Una nuova espulsione, dopo quella di pochi giorni fa a carico di un 24enne marocchino: i due, infatti, si frequentavano e avevano commesso insieme, con la complicità di altri coetanei della zona, più furti e rapine.

Dal 2013 al 2015 una vera e propria “banda” di giovanissimi criminali ha lasciato dormire sonni poco tranquilli ai cittadini di Castiglione del Lago e dintorni. Proprio lo scorso anno i carabinieri della compagnia di Città della Pieve in una articolata operazione che si concluse con ben 16 denunce individuarono ragazzi, tutti tra i 23 ed i 18 anni e tutti, che nonostante la giovane età erano già gravati da numerosi precedenti penali. Tra di loro si contarono alcuni Italiani, ma la maggioranza di essi avevano origini straniere (Marocco, altri dell’Albania ed altri ancora della Romania). I militari sequestrarono numerosa refurtiva e gli vennero contestati i reati di furto in abitazione e furto aggravato in concorso.

Castiglione del Lago, sgominata banda giovani ladri: tutti del posto

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!