Campione nella vita e nello sport, la storia dell'handbiker Riccardo Lucaccioni - Tuttoggi

Campione nella vita e nello sport, la storia dell’handbiker Riccardo Lucaccioni

Redazione

Campione nella vita e nello sport, la storia dell’handbiker Riccardo Lucaccioni

Il 50enne tifernate che lotta per i diritti dei disabili attraverso lo sport parteciperà al campionato nazionale di specialità a Foligno "Vita va vissuta sempre fino in fondo"
Ven, 27/05/2016 - 14:05

Condividi su:


Ci sarà anche il tifernate Riccardo Lucaccioni, 50 anni, in sella alla sua fiammante handbike (particolare tipo di bicicletta che si muove tramite manovelle mosse grazie alle braccia) a partecipare al campionato internazionale della specialità, che si svolgerà l’11 e 12 giugno prossimi a Foligno. Assieme al tenace ciclista tifernate scenderanno in pista altri 6 corridori della società U.C. Petrignano di cui lo stesso Lucaccioni fa parte.

IMG_8026Apprezzato ed instancabile fondatore dell’associazione “Cuor di Leone”, da oltre 15 anni in prima linea per i diritti dei disabili, Lucaccioni rappresenta un vero e proprio esempio di tenacia e determinazione nell’affrontare a testa alta situazioni che il destino purtroppo riserva alla vita. Nel 1989 è rimasto vittima di un grave incidente stradale ma non si è perso d’animo nemmeno quando si è ritrovato su una sedia a rotelle ed ha dovuto abbandonare il suo lavoro di esperto carrozziere. Con il sostegno della moglie Simona e dei figli ha deciso di non rimanere con le mani in mano e si è dedicato con successo alla pratica di alcuni sport riservati ai disabili, fra cui il tennis in carrozzina ed ora l’handbike, specialità sportiva di paraciclismo affiliata alla federazione.

IMG_7992Recentemente Lucaccioni, sempre con la casacca dell’U.C. Petrignano ha partecipato ad Imola alla tappa del Giro d’Italia di handbike, una importante competizione sportiva nata da un’idea di Andrea Leoni, nel 2010. “Ad Imola – ha precisato Riccardo – ho avuto l’onore di competere con un grande campione e soprattutto un grande uomo come Alex Zanardi, doppia medaglia d’oro alle paralimpiadi di Londra. Il prossimo impegno sarà nel mese di giugno a Foligno nell’ambito di una gara internazionale che cercherò come sempre di preparare al meglio per ben figurare al cospetto di atleti di spessore tecnico e potenza notevoli”.

Lucaccioni attraverso lo sport e manifestazioni ufficiali vuole lanciare un messaggio di sensibilizzazione alle tematiche e ai problemi che ogni giorno toccano da vicino chi è costretto a deambulare sopra un mezzo meccanico ma non per questo si arrende ed anzi lotta con tenacia per trovare sempre nuovi stimoli pratici e morali. “Lo sport rappresenta un veicolo eccezionale per tenere sempre alta l’attenzione sulla nostra condizione e per dimostrare che la vita va vissuta sempre fino in fondo senza lasciarsi prendere dallo sconforto e dalla rassegnazione”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!