Calendario venatorio, restano i nodi valichi e Atc

Calendario venatorio, restano i nodi valichi e Atc

Massimo Sbardella

Calendario venatorio, restano i nodi valichi e Atc

Gio, 27/05/2021 - 19:08

Condividi su:


Morroni: nessuna pregiudiziale sui valichi, ma poi c'è il rischio di ricorsi sul Calendario venatorio | Irrisolta la questione delle quote Atc

Calendario venatorio, nessun passo in avanti nella Commissione regionale nell’ultima seduta. Perché restano i nodi dei nuovi valichi montani. E sulle sfondo restano le tensioni sugli Atc 1 e 3.

I valichi

Quanto al divieto di caccia nei tre valichi montani di Bocca Trabaria, Passo
Carosina e Fossato di Vico nel raggio di almeno un chilometro, l’assessore
Roberto Morroni ha ribadito che si tratta di un adempimento alle
determinazioni contenute nel Piano faunistico venatorio e alle sollecitazioni dell’Ispra alla Regione sulla tutela delle specie migratorie. Comunicando che proprio nella giornata odierna anche la Regione Marche si appresta a discutere il proprio calendario.

Le due Regioni sono interessate alla questione ciascuna per il proprio versante. E le osservazioni esplicitate dai consiglieri della Lega Stefano Pastorelli e Valerio Mancini sulla volontà di non creare disparità fra i cacciatori delle due regioni avranno, come richiesto, una risposta scritta dagli uffici della Giunta.

La Commissione presieduta da Eleonora Pace si è presa quindi un’altra settimana di tempo prima di esprimere il parere obbligatorio, ancorché non vincolante, sul calendario venatorio 2021-22.

Rischio impugnazione del Calendario venatorio

“Non c’è alcuna pregiudiziale da parte della Giunta sull’inserimento
dei valichi – ha specificato Morroni – e se prevalesse la volontà di non
tenere conto del Piano faunistico e delle osservazioni dell’Ispra, potremmo
anche procedere in quella direzione. Ma tutti – ha aggiunto – dovranno essere consapevoli che se poi non si potrà andare a caccia, perché il calendario sarà stato impugnato, sapremo di chi è la responsabilità. Ricordo che, a seguito di un ricorso della Lac (Lega abolizione caccia), la Lombardia ha dovuto inserire fra le prescrizioni del proprio calendario altri 7 valichi in più, per evitare che il documento venisse impugnato. E che il nostro Calendario venatorio contiene anche elementi irrinunciabili vista l’emergenza cinghiali e danni all’agricoltura, con la modifica delle date per la caccia al cinghiale e l’inserimento di tale specie anche nella caccia di selezione agli ungulati”.

Cinghiali e bilanci Atc

Proprio il dei cinghiali e dei bilanci degli Atc 1 e 3 gravati dai rimborsi agli agricoltori è piombato sulla Commissione, pur non essendo all’ordine del giorno. Morroni, di fronte alla minaccia anche di esponenti della maggioranza di non votare il Calendario venatorio, si è detto disponibile a successivi ulteriori approfondimenti.

Le opposizioni: dalla Regione uno stanziamento straordinario per gli Atc

I consiglieri Michele Bettarelli (vicepresidente della Commissione) e Tommaso Bori (Pd) e Andrea Fora (Patto civico) chiedono che sia la Regione a farsi carico di uno stanziamento straordinario per gli Atc, in considerazione della straordinarietà della stagione venatoria 2020, a causa della pandemia.

Atc1, salta ancora il bilancio
Cruciani: ostaggio dei cacciatori

“Non ci interessano strumentalizzazioni o polemiche di sorta legate a responsabilità passate o presenti, a figure e ruoli da sostituire così da farli ricoprire ad altri; a noi – hanno aggiunto a proposito del botta e risposta con Mancini, che chiede l’azzeramento dei vertici degli Atc 1 e 3 – interessa solo agire con buon senso, nell’interesse unico ed esclusivo di cacciatori e agricoltori”.

Per i tre consiglieri di opposizione gli Atc devono essere messi nelle condizioni di approvare serenamente il proprio bilancio senza, da
un lato dover chiedere esosi esborsi ai cacciatori, e dall’altro potendo
procedere ai doverosi indennizzi per gli agricoltori. “Crediamo – hanno concluso i tre esponenti dell’opposizione – che la soluzione ad una situazione che sta alimentando un aspro contrasto sia tutto sommato semplice e che la Regione possa e debba immediatamente risolverla facendosi carico di uno stanziamento economico straordinario, stante la situazione non ordinaria”.

Federcaccia, Libera Caccia ed Enelcaccia:
non possono pagare sempre i cacciatori

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!