Atc1, salta ancora il bilancio | Cruciani: ostaggio dei cacciatori

Atc1, salta ancora il bilancio | Cruciani: ostaggio dei cacciatori

Redazione

Atc1, salta ancora il bilancio | Cruciani: ostaggio dei cacciatori

Gio, 27/05/2021 - 15:15

Condividi su:


Per la seconda volta Federcaccia, Libera Caccia ed Enalcaccia fanno mancare il numero legale per bloccare gli aumenti delle quote

E’ saltato ancora il numero legale per l’approvazione del bilancio consuntivo dell’Act Perugia 1. I rappresentanti di Federcaccia, Libera Caccia ed Enalcaccia non hanno preso parte alla votazione, come avevano fatto la settimana precedente.

“Siamo in ostaggio delle associazioni venatorie” tuona il presidente dell’Atc1, Igor Cruciani. Finito nel mirino anche del consigliere regionale Valerio Mancini e dell’associazione Nata Libera Perugia, che chiedono l’azzeramento dei vertici degli Atc 1 e 3 per i conti in rosso a causa dei risarcimenti agli agricoltori per i danni provocati dai cinghiali.

Difende invece l’operato degli Atc Arci Caccia, che punta l’indice contro le politiche della Regione.

Cruciani: impedito l’avvio della caccia di selezione

“Per la seconda volta in sette giorni, le associazioni venatorie, tranne Arcicaccia, hanno impedito l’approvazione del bilancio consuntivo e l’avvio della caccia di selezione dei cervidi e del cinghiale. Più che un sabotaggio, è un improduttivo, quanto dannoso, tentativo di ostacolare la routinaria attività di un ente prettamente esecutore come lo è un Atc”. È questa la denuncia di Cruciani.

Il nodo risarcimenti e bilancio

“L’Atc – spiega il presidente –, vista la quota ingente di danni al patrimonio agricolo causata dal cinghiale lo scorso anno, deve prevedere, come prescritto dal Regolamento regionale 34/99, di iscrivere a bilancio, qualora il fondo messo a disposizione dalla Regione non fosse sufficiente, un credito nei confronti dei cacciatori appartenenti a quelle squadre che, entro i rispettivi distretti di gestione, hanno registrato considerevoli danni e contemporaneamente non hanno completato il piano di abbattimento assegnato. Ovviamente il 2020 è stato funestato dalla pandemia e ciò non ha consentito la piena operatività delle squadre cinghialiste. Ma proprio per questo l’Atc, da tempo, si sta adoperando con la Regione per chiedere un contributo straordinario che possa esonerare i cacciatori da un ulteriore ‘balzello’. L’Atc deve però seguire leggi e regolamenti (quei regolamenti, come il 34/99, approvato con il favore di quelle associazioni venatorie che oggi non si presentano per applicarne il contenuto) e non può esimersi da mettere a bilancio i ‘soldi dei cacciatori’ che saranno prontamente depennati o rimodulati qualora la Regione Umbria decida di dare una mano, per porre rimedio a quanto successo nel complicato 2020”.

Per Federcaccia, Libera Caccia ed Enalcaccia non possono essere chiamati a pagare i cacciatori. E così la pensano anche Bori e Bettarelli (Pd) e Mancini (Lega), pur con diverse vedute sulle responsabilità.

Cruciani contro i cacciatori che non votano il bilancio

“La risposta di Federcaccia, Enalcaccia e Liberacaccia – prosegue Cruciani – è consistita nel far mancare nuovamente il numero legale (che prevede la presenza dei ¾ dei membri del comitato di gestione) per procedere all’approvazione del bilancio. Degli attuali 18 componenti, 13 erano pronti a prendersi la doverosa responsabilità di votare il bilancio e di impegnarsi per porre rimedio all’anno passato e alla sempre più insostenibile questione dei danni da cinghiale. Ma nulla, l’operato delle associazioni ha prevalso. L’approvazione del bilancio è stato rinviato ma l’obiettivo è fallito: fallito per gli agricoltori che non vedranno arrivare nei prossimi giorni gli assegni che avrebbero coperto il 64% degli importi indennizzabili; fallito per i cacciatori, i quali non potranno avviare la stagione della caccia di selezione al capriolo, al daino e al cinghiale dopo l’approvazione del tanto atteso RR 3/2021 che ha inserito il suide tra le specie prelevabili”.

La scadenza del 30 giugno

“L’Atc – ricorda ancora il suo presidente – ha tempo fino al 30 giugno per approvare il bilancio e qualora non vi riuscisse interverrà la Regione esercitando il ruolo assegnatole dalla normativa che potrebbe, come estremo provvedimento, anche sfociare nel commissariamento dell’Ente. E sarà allora il commissario a fare ciò che è previsto dalla normativa e a cui le associazioni venatorie si oppongono: chiedere i soldi alle squadre cinghialiste. Certamente fino all’approvazione del bilancio sarà preclusa di fatto l’assunzione di nuovi impegni da parte degli organi di gestione dell’Atc che pertanto si ritrovano in una condizione di sostanziale immobilismo. Ecco, forse, ripartire dai fatti e dalla realtà può essere un buon inizio da parte di tutti per dare un futuro ad una caccia sostenibile e compatibile con le attività antropiche”.

Federcaccia, Enalcaccia e Liberacaccia contano che per allora si possa trovare un accordo con la Regione sui risarcimenti e scongiurare l’aumento delle quote per i cacciatori delle squadre cinghialiste.

La replica dei cacciatori:
il presidente pagato da noi e manco ci risponde

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!