Caccia, ancora incognite bilanci Atc: "Dimissioni o commissariamento"

Caccia, ancora incognite bilanci Atc: “Dimissioni o commissariamento”

Redazione

Caccia, ancora incognite bilanci Atc: “Dimissioni o commissariamento”

Lun, 28/06/2021 - 16:54

Condividi su:


Rischia di saltare ancora il numero legale per l'opposizione dei cacciatori | Mancini (Lega): cambio ai vertici Atc 1 e 3 unica soluzione

Atc 1 e 3, vigilia di nuove riunioni dei Comitati di gestione ancora ad alta tensione. Il rischio è infatti che salti ancora il numero legale per l’opposizione della maggioranza delle associazioni venatorie, che lamentano i conti ancora in rosso. Anche se il ricorso ad aumenti delle quote a carico dei cacciatori per pagare i danni provocati dagli animali selvatici sembra per ora scongiurato, con l’intervento promesso dalla Regione.

Guerra politica sugli Atc, ora gli stanzialisti
chiedono di commissariare Perugia 2

Al consigliere regionale della Lega Valerio Mancini la toppa non basta. E chiede alla Regione una soluzione definitiva, che passi per l’azzeramento dei vertici degli Atc 1 e 3 che ancora non hanno approvato i loro bilanci.

Lo scontro sui bilanci

“Quando un organismo pubblico non riesce ad approvare il proprio bilancio – accusa Mancini, anche in qualità di responsabile del dipartimento caccia della Lega – è giusto che chi ne è alla guida faccia le dovute considerazioni e agisca di conseguenza, a maggior ragione se il primo azionista non partecipa più, ormai da tempo, ai lavori”.

“Finora – spiega Mancini – non sono stati approvati i bilanci degli Ambiti territoriali di caccia umbri 1 e 3 per mancanza del numero legale: questo testimonia il dissenso dei cacciatori in merito alla gestione”.

Il timore è che nelle prossime convocazioni, ciò che resta dei Comitati di gestione cerchi di far approvare un bilancio che vada contro le indicazioni del mondo venatorio.

Le lamentele sugli Atc 1 e 3

“Questa situazione di crisi – attacca Mancini – non è certo conseguenza di apatia: il mondo venatorio, tramite i propri rappresentanti dell’associazionismo di riferimento, diserta le sedute lamentando un trattamento ingiusto da parte della dirigenza, che penalizza in maniera ingiustificata i cacciatori. Le vessazioni ricadono soprattutto sui cinghialisti. Gli Atc chiedono loro ulteriori soldi per i danni alle coltivazioni, senza però aver messo preventivamente in atto misure efficaci al contenimento della fauna selvatica. Inoltre, le aree di rispetto temporaneo (ART) e le zone di ripopolamento e cattura (ZRC), un tempo serbatoi di selvaggina stanziale nobile di pregio, sono ridotte ad aree prive di gestione che non riescono a fornire selvatici veri al resto del territorio: tutto ciò rappresenta il fallimento della gestione della caccia”.

Mancini: “Dimissioni o commissariamento”

“Sarebbero già sufficienti queste premesse – prosegue Mancini – per attendersi un atto di responsabilità da parte dei presidenti degli Ambiti Territoriali di Caccia Perugia 1 e Terni 3, ai quali non resterebbe che rassegnare le rispettive dimissioni. Ciò non è ancora accaduto, malgrado l’evidenza della situazione e l’arbitrarietà delle linee di gestione poste in essere, a più riprese contestate dal mondo venatorio. Chiedo ancora una volta all’assessorato regionale di imporsi e far rispettare le regole, procedendo al commissariamento degli Ambiti Territoriali di Caccia qualora risultino ancora incapaci di chiudere il bilancio. Non è più tollerabile – conclude l’esponente della Lega – che si continuino a chiedere ai cacciatori ulteriori sforzi economici, senza che nessuno faccia un passo indietro o autocritica”. 

Passa il bilancio Atc1, l’Atc3 rinvia
Danni cinghiali, altri fondi dalla Regione

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!