Botti di Capodanno, decalogo per cani e gatti

Botti di Capodanno, decalogo per cani e gatti

Dalla Lav i consigli per aiutare gli animali a passare indenni la notte di San Silvestro

share

Come ormai avviene da qualche Capodanno, la Lav torna a chiedere alle amministrazioni comunali italiane di vietare i cosiddetti botti, che spaventano gli animali. Un provvedimento assunto quest’anno da pochi Comuni.

E allora, ecco i consigli per aiutare i nostri amici a quattro zampe a superare senza traumi la notte di San Silvestro.

Consultare con anticipo il veterinario di fiducia per individuare soluzioni idonee a evitare o ridurre manifestazioni di paura o di panico dell’animale.

Dotare cani e gatti di microchip e di medaglietta recante un recapito telefonico.

Tenere sempre il cane a guinzaglio nei giorni “caldi”.

Non tenere i cani legati alla catena, potrebbero strangolarsi.

Programmare una passeggiata diurna e una uscita veloce all’imbrunire prima che inizino i festeggiamenti.

Tenere, durante i botti, cani e gatti all’interno dell’abitazione con le finestre chiuse e non lasciare animali di alcun tipo su terrazzi e balconi, nemmeno se sono in gabbia.

Chiudere bene le imposte delle finestre, gli improvvisi bagliori possono spaventare gli animali.

Accendere la tv o utilizzare la musica per coprire o minimizzare il rumore dei botti.

Lasciare che l’animale, all’interno della casa, scelga un “rifugio” confortevole e non lasciarlo mai da solo.

Dimostrare un atteggiamento sereno, se il cane vi cerca proporgli qualche giochino o attività piacevole senza insistere.

share

Commenti

Stampa