Bollette dell’acqua per 20mila euro, ma il contatore “ruba” | “Operatori sconsigliavano controlli, ho i video”, scatta la denuncia

Bollette dell’acqua per 20mila euro, ma il contatore “ruba” | “Operatori sconsigliavano controlli, ho i video”, scatta la denuncia

La vicenda di un 89enne di Spoleto, il figlio fa installare un secondo contatore: “Quello della Vus ‘ruba’ all’utente 1 metro cubo di acqua circa al giorno” | Chiesto il rimborso delle bollette, denuncia anche alla Finanza

share

Per 7 anni ha pagato importi esorbitanti per il servizio idrico, bollette dell’acqua anche di oltre mille euro, ma dagli operatori Vus a cui si era rivolto più volte avrebbe ricevuto soltanto rassicurazioni sul corretto funzionamento del contatore e sarebbe stato scoraggiato ad effettuare controlli sull’apparecchiatura. Quanto accaduto ad un anziano spoletino, 89 anni, che avrebbe pagato in tutto ben 20mila euro in questi anni per l’acqua della sua abitazione di San Giovanni di Baiano, rischia però ora di avere ripercussioni giudiziarie.

Il figlio dell’intestatario delle bollette, infatti, dopo anni di battibecchi familiari, ha preso in mano la situazione ed ha fatto un controllo, installando un altro contatore a valle del contatore Vus. Il risultato lo ha lasciato sbigottito, spingendolo a diffidare la società partecipata che gestisce il servizio idrico ed a denunciare il fatto alla Guardia di finanza di Spoleto.

Tutto sarebbe iniziato nel 2011, quando a casa dell’anziano è stato sostituito il contatore per la misurazione del consumo dell’acqua. “Immediatamente dopo la sostituzione e contestualmente all’ingresso nell’abitazione – racconta il figlio dell’anziano – di altre tre persone (la madre di uno dei miei figli ed i miei figli) i consumi dell’acqua sono saliti rispetto a prima in maniera importante. Nel corso di questi anni il mio anziano padre più volte si è recato presso gli sportelli della Vus di Spoleto a reclamare chiarimenti sullo spropositato aumento dei consumi, e in ogni occasione riceveva come risposta che sicuramente l’avvenuto ingresso dei miei figli ha causato uno sperpero di acqua, che il contatore sicuramente funzionava bene, che doveva controllare se ci fosse stata una perdita e che poteva chiedere la verifica al contatore”. Ma da quanto denuncia l’uomo, proprio su questo aspetto suo padre sarebbe stato dissuaso varie volte, adducendo il pagamento di spese (120 euro) qualora fosse stato tutto in regola.

I due contatori dell’acqua a confronto, il primo giorno e il terzo giorno

“Mio padre a quel punto chiedeva la rateizzazione delle bollette ed andava avanti” racconta il figlio. “Questa situazione – spiega – ha generato nel corso degli anni anche numerose liti familiari, ognuno accusava l’altro di non essere accorto nell’uso dell’acqua, ledendo anche i rapporti tra familiari“. Fino a quando appunto il figlio ha preso in mano la situazione per chiarire la situazione una volta per tutte.

“Giovedì 8 novembre – racconta – stanco di questa situazione ho fatto installare da un idraulico qualificato un contatore nuovo a valle del contatore Vus, di ottima qualità, al fine di controllare se la misurazione del primo corrispondesse a quella del nuovo montato. Dopo 24 ore il contatore Vus misurava 1 metro cubo di consumo mentre il nuovo 100 litri neppure raggiunti. Ho provveduto a registrare e fotografare le misurazioni per oltre 5 giorni con il risultato che il contatore Vus ‘ruba’ all’utente 1 metro cubo di acqua circa al giorno“.

Per questo l’uomo ha quindi mandato una diffida alla Vus contestando tutte le fatture pagate dal padre dal 2011 ad oggi, chiedendone il rimborso (si tratterebbe di circa 20mila euro oltre ad interessi). Nella denuncia, inviata anche alla Finanza, lo spoletino contesta “il ‘modus operandi’ degli operatori allo sportello di Spoleto che scoraggiano volutamente gli utenti (soprattutto se anziani) a chiedere la verifica dei contatori con la ‘storiella’ delle spese aggiuntive. Vi informo – aggiunge – di essere in possesso di registrazioni audio e video dove l’operatrice addetta addirittura incolpa ‘le badanti che sciacquettano’ e che assicura che mai in nessun caso qualche contatore in passato ha riportato malfunzionamenti“. Stando alla denuncia, altri utenti, di cui lo spoletino è pronto a fornire i riferimenti, starebbero subendo lo stesso trattamento avendo espresso dubbi sui propri consumi di acqua.

© Riproduzione riservata


Leggi la replica di Valle Umbra Servizi alla denuncia dell’utente:

Bollette dell’acqua “sbagliate”, VUS replica: “Operato correttamente”

share

Commenti

Stampa