Bocconi killer, Ares non ce l'ha fatta | Il padrone "Non trovo pace" - Tuttoggi

Bocconi killer, Ares non ce l’ha fatta | Il padrone “Non trovo pace”

Davide Baccarini

Bocconi killer, Ares non ce l’ha fatta | Il padrone “Non trovo pace”

Ven, 24/12/2021 - 11:30

Condividi su:


Il labrador di 4 anni e mezzo ha lottato per giorni nonostante le gravissime lesioni interne provocate dal veleno, amare e tristi le parole di Mattia "Ho perso il mio migliore amico per un gesto vigliacco e infame"

Dopo aver lottato con tutte le sue forze Ares non ce l’ha fatta. Il labrador di 4 anni e mezzo che ha ingerito bocconi killer sabato scorso (18 dicembre), lungo la Pineta del Soldato (Gualdo Tadino), è spirato ieri (23 dicembre) dopo giorni di sofferenza, a causa delle gravissime lesioni provocate dal tossico a livello renale, epatico, del sistema nervoso centrale e dell’apparato gastrointestinale.

Amare e tristi le parole del suo padrone Mattia: “Una telefonata alle 2 di notte ha posto fine alle nostre speranze. Perdo in colpo solo un amico, un compagno di giochi e un componente della famiglia. Il ritorno a casa non sarà mai più lo stesso senza di te a portarmi un gioco o semplicemente a corrermi incontro per salutarmi. Perderti così, in piena salute, per il gesto vigliacco e infame di uno scellerato bastardo, non mi permette di trovare pace. Potrei dire tantissime cose a chi ha fatto questo ma non servirebbe a riportarti qui”.

Mattia ha poi voluto ringraziare il veterinario dottor Sandro Bianchini, “esemplare non solo per professionalità ma anche per umanità”, e la Clinica Veterinaria Ponte Felcino-pronto soccorso h24, i cui medici hanno lottato fino all’ultimo per inseguire un miracolo. “Purtroppo non c’è stato niente da fare. – ha aggiunto – Ci hai amati di quell’amore folle, assoluto e totalizzante che solo un cane sa dare. Desideravo soltanto due cose per Natale; con la tua scomparsa ho la certezza che nessuna delle due avverrà. Che la terra ti sia lieve amico mio, mi mancherai tantissimo e non ti dimenticherò mai…

Sull’episodio, per il quale è stata sporta denuncia, stanno indagando le forze dell’ordine. Lo stesso dr. Bianchini aveva parlato di presunte esche avvelenate “dislocate in modo doloso”. “Sia ben chiaro – aveva poi aggiunto il veterinario – gli animali non meritano di ingoiare bocconi avvelenati per attriti o lotte tra esseri umani. Vergognatevi! Un giorno avrete la stessa sofferenza…”.

Il fenomeno dei bocconi killer rimane un grande problema di sanità e incolumità pubblica in quanto, oltre a rappresentare un rischio per gli animali domestici e selvatici, costituisce un grave pericolo per l’ambiente e per l’uomo, in particolare per le categorie più a rischio quali i bambini. Quest’ultimo, grave e triste episodio, di certo torna ad acuire le dimensioni del problema.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!