BARBARA CORVI: FORSE UNA LITE ALLA BASE DELLA SCOMPARSA DELLA GIOVANE MAMMA. APPELLO SU FACEBOOK E YOUTUBE SCATENA LA RETE. LE INDAGINI DEI CC DI AMELIA - Tuttoggi.info

BARBARA CORVI: FORSE UNA LITE ALLA BASE DELLA SCOMPARSA DELLA GIOVANE MAMMA. APPELLO SU FACEBOOK E YOUTUBE SCATENA LA RETE. LE INDAGINI DEI CC DI AMELIA

Redazione

BARBARA CORVI: FORSE UNA LITE ALLA BASE DELLA SCOMPARSA DELLA GIOVANE MAMMA. APPELLO SU FACEBOOK E YOUTUBE SCATENA LA RETE. LE INDAGINI DEI CC DI AMELIA

Lun, 02/11/2009 - 23:58

Condividi su:


di Carlo Ceraso

Il telefono non ha squillato neanche oggi. Ed è il sesto giorno consecutivo. Un’eternità che aumenta l’angoscia dei famigliari di Barbara Corvi, la giovane mamma scomparsa martedì pomeriggio da Fornole, una piccola frazione di Amelia. La notizia ormai ha fatto il giro della città e non solo, grazie anche all’appello lanciato da una nipote della donna attraverso Youtube e Facebook. Che ha scatenato subito la rete, registrando in appena 24 ore quasi 2mila adesioni al profilo “Cerchiamo Barbara Corvi”. E tanti post con mille interrogativi. L’appello è stato ripreso anche da “Chi l’ha visto”, la trasmissione di Rai3 dedicata ai casi di persone scomparse.

Il negozio di famiglia, che Barbara gestisce con il marito, Roberto Logiudice, ha aperto anche oggi. Ma nessuno dice nulla. In compenso le voci del paese si rincorrono su questo che ormai è diventato un vero e proprio mistero. Perchè, e sono molti a sostenerlo, Barbara per nulla al mondo si sarebbe allontanata, legata com’era ai due figli (di 15 e 18 anni), alle due sorelle e ai genitori.

La famiglia Corvi da queste parti è molto conosciuta e stimata. Mai una sola chiacchiera su nessuno di loro. Una famiglia unita con i valori saldi. Tutti rispettati e ben voluti. Distrutti dall'angoscia per le sorti della loro congiunta, a cui hanno dovuto aggiungere il dolore per la morte della nonna dei Barbara che si è spenta in mattinata (oggi, martedì, i funerali).

Ma torniamo alla vicenda.

Non parla la nipote che aveva lanciato l’appello e lasciato sulla rete il proprio numero di cellulare nel caso qualcuno avesse visto la parente. “Mi dispiace, dovete parlare con mio zio” dice al telefonino rimandando al numero di Logiudice. “Non posso dire nulla” dice il marito di Barbara “c’è una indagine in corso. Dell’appello non sapevo nulla, è stata una iniziativa di mia nipote”. In mattinata un falso allarme: un uomo ha postato la foto di una donna, ripresa di spalle che si trovava in un parco pubblico a Terni. Ma la corporatura e il taglio dei capelli non corrispode, stando a quanto scrive la nipote su Facebook.

Intanto proseguono le indagini e le ricerche da parte dei carabinieri di Amelia, coordinati dal maresciallo Giubila, che sulla vicenda mantiene il massimo riserbo. L’inchiesta, seguita dalla Procura della Repubblica di Terni, fino ad ora resta aperta a 360° anche se sostanzialmente le piste seguite sembrano tre: quella di una fuga della donna, di un gesto estremo o di una violenza subita dalla Corvi.

Sembra quasi certo che lunedì scorso Barbara e il marito abbiano avuto una forte lite, anche se è impossibile al momento conoscerne i motivi. Solo negli ultimi tempi, secondo alcuni testimoni, fra i due c’era stata qualche tensione. Ma nulla che potesse far pensare ad un allontanamento così repentino della donna dalla propria casa e, sopratutto, dai propri affetti. Il marito, dicono alcuni conoscenti, è sconvolto dal dolore. .

Sono passati 18 anni quando i due, che si erano conosciuti nel negozio gestito dai genitori di Barbara, misero in atto, giovanissimi entrambi, la loro fuga d’amore. Lei appena quindicene, lui poco più grande, arrivato dalla Calabria in cerca di lavoro. Che aveva trovato presso l’attività dei Corvi. Un amore all’inizio non proprio accettato dai genitori di lei, che si erano però ricreduti con il tempo e con l’arrivo dei nipoti. Ma torniamo all’inchiesta. Gli inquirenti stanno scavando nelle ultime ore della donna. Facile immaginare che si stia cercando nei tabulati del telefonino come nel pc della donna (appassionata di internet), che sarebbe stato posto stamani sotto sequestro. Le indagini dunque proseguono senza sosta. Come pure i messaggi dei tanti amici che attraverso la rete implorano Barbara di dare qualche notizia di sè.

(aggiornato alle 9.40 del 3 novembre 2009)

© Riproduzione riservata

Ultima notizia correlata

GIOVANE MAMMA SCOMPARSA IN CIRCOSTANZE MISTERIOSE. APPELLO SU FACEBOOK E YOUTUBE. LE INDAGINI (Foto)


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!