Bar usato per drogarsi finisce sotto sequestro, arrestato 34enne | Video - Tuttoggi

Bar usato per drogarsi finisce sotto sequestro, arrestato 34enne | Video

Redazione

Bar usato per drogarsi finisce sotto sequestro, arrestato 34enne | Video

Sab, 01/05/2021 - 11:11

Condividi su:


Bar usato per drogarsi finisce sotto sequestro, arrestato 34enne | Video

L'arresto e il sequestro del bar fanno seguito all'operazione Caronte, il bagno del locale utilizzato per consumare cocaina

Un giovane arrestato ed un bar del centro di Terni sotto sequestro. E’ l’esito dell’attività della polizia di Terni nella giornata di venerdì.

In manette è finito un cittadino albanese di 34 anni, raggiunto da un ordine di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Il giovane già in passato era stato segnalato all’autorità giudiziaria per reati in materia di stupefacenti e contro la persona.

Arresto dopo l’operazione “Caronte”, il bar nel mirino

L’arresto è stato disposto dal GIP di Terni, su richiesta della Procura della Repubblica ternana, ed è scattato a seguito di un’accurata indagine, partita dopo la conclusione dell’operazione antidroga della Polizia di Stato “Caronte”, del 16 febbraio scorso, quando la Squadra Mobile ha eseguito 9 misure cautelari – 6 in carcere e 3 ai domiciliari – nei confronti di altrettante persone responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti.

Smantellata rete criminale multi-etnica di spacciatori di cocaina, 9 arresti VIDEO

In particolare, sono stati acquisiti ulteriori elementi, che hanno riguardato proprio il cittadino albanese, il quale si ritiene che abbia adibito o che comunque abbia consentito che venisse adibito, dal gennaio al dicembre 2020, un locale pubblico di via Lanzi (tra i principali della movida ternana ed abitualmente frequentato dagli indagati della suddetta operazione antidroga), a luogo di convegno di persone che all’interno facevano uso di cocaina.

Il bagno del bar utilizzato per consumare cocaina

Dalle dichiarazioni degli avventori, infatti, è emerso come questi consumassero cocaina all’interno del bagno del bar, in quanto l’indagato, gestore di fatto dell’attività, era consapevole di quanto avvenisse o comunque lo tollerava.

Per i clienti abituali, e non solo le persone coinvolte nell’operazione “Caronte”, ma anche molti giovani ternani, quel posto era il loro “porto sicuro” dove consumare indisturbati cocaina, dopo averla comprata proprio nei pressi del bar, praticamente a km 0.

Il locale in questione, che di fatto risulta di proprietà di un’altra persona, è stato sottoposto a sequestro preventivo penale, su richiesta del Pubblico Ministero, applicato per la prima volta nella città di Terni.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!