Attacco hacker, Gruppo Angelantoni: ripresa quasi totale funzionalità

Attacco hacker, Gruppo Angelantoni: ripresa quasi totale funzionalità

Massimo Sbardella

Attacco hacker, Gruppo Angelantoni: ripresa quasi totale funzionalità

Mar, 01/03/2022 - 15:25

Condividi su:


I tecnici dell'azienda di Massa Martani hanno lavorato incessantemente per recupera l'operatività | Indagini della polizia postale

Il Gruppo Angelantoni Industrie sta ripristinando la piena operatività dopo l’attacco hacker subito la scorsa settimana. E nel frattempo sono state avviate indagini da parte della polizia postale per risalire agli autori dell’attacco informatico, che hanno provato ad ottenere un riscatto per decriptare i dati “oscurati” da un virus trojan.

Attacco hacker alla Angelantoni,
chiesto un riscatto per i dati

Il Gruppo di Massa Martana, tra le punte di diamante dell’industria umbra (opera in settori strategici, dal biomedicale all’energetico, dall’automotive all’aerospaziale) conferma di aver riscontrato a seguito dell’attacco informatico seri problemi all’hardware dei computer e dei server aziendali.

Dopo un incessante lavoro, svolto anche durante il fine settimana, è stata recuperata – informa l’azienda – gran parte dell’operatività. Ed ora il Gruppo ha riacquisito “quasi totalmente la propria funzionalità”, che è garantita in ogni ambito di lavoro, dalla produzione, alla logistica, alla vendita ed assistenza.

I vertici dell’Angelantoni Industrie comunicano che stanno collaborando con la polizia postale, con la quale sono state messe in atto le procedure per porre rimedio all’accaduto, anche al fine di verificare eventuali infiltrazioni dall’esterno e rilevare possibili compromissioni dovute ad attacchi hacker.

Il virus potrebbe essere entrato nel sistema operativo attraverso l’allegato di una mail o con una chiavetta usb infettata. Come è accaduto, presumibilmente, nei mesi scorsi per altre aziende, anche pubbliche, ed enti, tra cui la Asl 2 e il Comune di Perugia.

Alla Angelantoni era arrivata una richiesta di “riscatto” da parte di sedicenti russi. Ma sull’effettiva identità dei pirati informatici sta lavorando la polizia postale. Proprio la guerra degli hacker, che si combatte parallelamente a quella con le armi in Ucraina, ha riacceso i riflettori sul problema della protezione delle reti informatiche di enti ed aziende.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!