Ast-Arvedi, esuberi appalto Sicuritalia | Tornano tensioni nei rapporti con sindacati - Tuttoggi

Ast-Arvedi, esuberi appalto Sicuritalia | Tornano tensioni nei rapporti con sindacati

Luca Biribanti

Ast-Arvedi, esuberi appalto Sicuritalia | Tornano tensioni nei rapporti con sindacati

Gio, 22/09/2022 - 15:06

Condividi su:


Ast, sindacati all'attacco "Raggiunti i 19 esuberi per appalto Sicuritalia. Lavoratori trasferiti e disagi". Focus su relazioni sindacali

Nonostante il cambio di proprietà da Thyssen ad Arvedi fosse stato inizialmente salutato come una boccata d’ossigeno, iniziano a emergere le prime ‘crepe’ tra Arvedi e le organizzazioni sindacali. Piano industriale, esuberi appalti Sicuritalia, appalti interni e relazioni sindacali sono sotto la lente di Cgil, Cisl e Uil. “Un piano industriale non è stato ancora presentato, ma quel che è abbastanza certo dopo il cambio di proprietà alla Ast – Acciai Speciali Terni – è che il neo insediato Gruppo Arvedi ha intenzione di sfoltire il comparto della vigilanza in appalto a Sicuritalia” – è quanto si legge in una congiunta dei sindacati che specificano a fronte dei 19 esuberi pe ri quali sarebbe previsto il trasferimento in altra sede “Questo appalto – prosegue la nota – che la proprietà precedente aveva particolarmente implementato, raggiunge la quota di 75 addetti, tra vigilanza armata e non armata.
Una cifra considerevole di addetti, della quale la nuova proprietà non vede la necessità”.

Sicuritalia, 19 esuberi

Secondo Cgil, Cisl e Uil il problema è che a fare le spese delle diverse valutazioni e scelte alla fine sono soltanto i lavoratori, per i quali la soluzione è stata “quella di orientarsi verso altri istituti di vigilanza o il trasferimento come indicato dalla direzione di Sicuritalia.
Gli esuberi dichiarati sono arrivati a 19″.

Appalto Sicuritalia, lavoratori trasferiti

“Non un licenziamento tout court ma un trasferimento in altre località, non necessariamente vicine, con tutte le difficoltà che questo comporta dovendo far fronte alla prospettiva con uno stipendio insufficiente – specificano i sindacati – Il percorso sindacale intrapreso ha previsto anche lo sciopero, ma ad oggi nessun interlocutore istituzionale e neppure la proprietà di Acciai Speciali Terni hanno avuto la sensibilità di preoccuparsi del futuro di questi lavoratori e delle loro famiglie”.

Ast-Arvedi, preoccupazione dei sindacati per appalti interni

“La preoccupazione delle organizzazioni sindacali è data dall’assenza di notizie da parte della proprietà di Acciai Speciali Terni anche in riferimento ai tanti lavoratori e lavoratrici del mondo degli appalti interni allo stabilimento, per i quali la profonda incertezza genera problemi e difficoltà nell’immaginare il proprio percorso lavorativo – continua la nota – L’impostazione della nuova proprietà, da quel che abbiamo potuto cogliere in assenza di un piano definito e ufficiale, è quella di espandere le attività produttive e al tempo stesso di ridefinire il sistema degli appalti.
Gli interlocutori Istituzionali sono stati coinvolti all’inizio della vertenza per chiedere un impegno preciso al fine di costruire un confronto con la proprietà in merito a una possibile ricollocazione, ma anche da quel fronte non è arrivata nessuna notizia”.

“L’unica certezza sono gli esuberi”

“L’unica certezza, al momento, è che stanno scattando gli esuberi. La situazione è critica perché si tratta di lavoratori per la maggior parte ancora lontani dalla pensione, a cui interessa continuare a lavorare nella loro città.
Gli annunci
– concludono i sindacati – della nuova proprietà di uno sviluppo delle attività presenti in Ast e conseguente mantenimento dei livelli occupazionali non hanno riscontro su questi esuberi che, seppure lavoratori non diretti, rappresentano comunque forza lavoro da tutelare”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!