Ast, Arvedi a Terni: "La cosa più gratificante è la bandiera italiana" | Incontro coi sindacati

Ast, Arvedi a Terni: “La cosa più gratificante è la bandiera italiana” | Incontro coi sindacati

Marco Menta

Ast, Arvedi a Terni: “La cosa più gratificante è la bandiera italiana” | Incontro coi sindacati

Gio, 03/02/2022 - 13:42

Condividi su:


Ast: il Cavaliere Arvedi e l'amministratore delegato Caldonazzo hanno incontrato la stampa locale per un saluto, in seguito alla cessione del 31 gennaio.

Il futuro di Ast è ormai segnato: il 31 gennaio scorso, infatti, la cessione della Acciai Speciali Terni dalla ThyssenKrupp al Gruppo Arvedi.

Giovedì 3 febbraio, dunque, a pochi giorni dalla firma del contratto a Essen, il presidente di Ast, Cavaliere Giovanni Arvedi, e il nuovo amministratore delegato, Dottor Mario Caldonazzo, si sono recati negli stabilimenti di viale Brin.

La cosa più gratificante che ho visto arrivando qui – ha dichiarato il Cavaliere – è la bandiera italiana“. Battute rapide e concise, quelle di Giovanni Arvedi, che oggi, per la prima volta, avrebbe toccato con mano il cuore della Terni industriale. Da parte sua, tuttavia, ha già garantito il massimo impegno nella definizione di piani industriali, sociali e ambientali; un aspetto di notevole rilevanza che “merita un attimo di riflessione“, “per il bene di questa grande, tradizionale, storica realtà”.

I sindacati

Nel pomeriggio di oggi prima le RSU di Acciai Speciali Terni e poi i Segretari di FIM-FIOMUILM-FISMIC-UGL-USB hanno incontrato i nuovi vertici aziendali, il Presidente CAV. Giovanni Arvedi e l’AD Ing. Mario Caldonazzo. Gli incontri hanno riguardato ovviamente la partenza di un percorso e la condivisione dei valori di fondo, dove Acciai Speciali Terni continua a determinare il tessuto sociale ed economico di un intero territorio.

Aumento e rilancio della produzione

Le parti congiuntamente hanno ritenuto necessario di avviare un breve periodo conoscitivo, prima di entrare nel merito di un piano industriale e di sviluppo che consenta l’aumento e il rilancio delle produzioni, della profittabilità e la salvaguardia dei livelli occupazionali e salariali. “Come organizzazioni sindacali – si legge in una nota congiunta – riteniamo estremamente positivo il percorso iniziato e la scelta di interloquire da subito con i lavoratori e le proprie rappresentanze sindacali. Infine abbiamo espresso unitariamente come l’attuale fase possa rappresentare una opportunità di crescita e sviluppo per AST, il territorio e il l’intero sistema paese a partire dal consolidamento degli attuali assetti e che si possa anche andare a recuperare produzioni e mercati persi in passato che hanno indebolito complessivamente il sito ternano. Le sfide future – concludono – vedono già il sindacato impegnato nell’indirizzo della transizione ecologica, tecnologica e più in generale verso la sostenibilità economica, sociale e ambientale

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!