Assisi celebra il Re di Giordania, Abdullah II: al Sacro Convento la consegna della Lampada della Pace

Assisi celebra il Re di Giordania, Abdullah II: al Sacro Convento la consegna della Lampada della Pace

Il programma della giornata e il menu del pranzo: i Reali – tra verità e ‘leggende metropolitane’ – sono arrivati ieri ad Assisi

share

Assisi torna la capitale morale d’Italia, quella da cui parte un messaggio di pace, dialogo e inclusione. Si è aperta la giornata della consegna della Lampada della Pace a Sua Maestà il Re di Giordania, Abdullah II, accompagnato dalla Regina Rania. Un ricco programma di eventi, concentrato in poche ore, per ribadire, da Assisi, un messaggio di pace e tolleranza.

I reali sono arrivati ad Assisi già da ieri sera, giovedì. Hanno soggiornato in una struttura nel centro storico di Assisi, con un dispositivo di sicurezza discreto, ma presente. Anche le altre delegazioni arrivate ad Assisi la sera prima hanno soggiornato in città, in un hotel a poca distanza dalla Basilica. Sin dalla giornata di ieri le forze dell’ ordine, coadiuvate dai militari dell’ Esercito, hanno controllato la Basilica e i luoghi adiacenti con discrezione, ma con la massima scrupolosità. Esaminati gli accessi alla Basilica di San Francesco. Lo spazio aereo sopra Assisi è stato interdetto al volo.

> Qui la maxi photogallery della giornata

In città, intanto, già fioccano storie di come all’Aeroporto San Francesco siano arrivati due aerei, di cui uno “solo per i bauli dei vestiti”. Leggenda metropolitana? Molto probabilmente, ma Rania non passa inosservata. Certo, invece, il menu dell’agape fraterna che sarà offerta ai frati del Sacro Convento. Insalata primavera con radicchio, valeriana, pere, mandorle e ananas condita con salsa vinaigrette. Grissini di farina di mais. Pasta con carciofi. Tacchino al tartufo con sformatino di patate. Tartelletta di frolla ripiena di mousse al cioccolato bianco con salsa di fragole.

In attesa del pranzo, l’arrivo. Ad accogliere Re Abdullah II e Rania di Giordania, stamattina, nella piazza inferiore del Sacro Convento, il Custode del Sacro Convento, padre Mauro Gambetti, il Presidente della CEI, card. Gualtiero Bassetti, il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte e dalla Cancelliera Angela Merkel. Dopo i saluti di rito, l’ingresso in Basilica superiore, preceduto dal saluto con l’inno della città di Assisi, eseguito dalla chiarine. Prima dell’arrivo dei Reali, intorno alle 11.30, i frati del Sacro Convento hanno accolto il premier italiano e la Cancelliera; nel caso di Conte, insieme a Gambetti e Bassetti, la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e il sindaco di Assisi, Stefania Proietti. Ad accogliere la Merkel, invece, il custode del Sacro Convento, il capo della Cei, e Conte. Al loro ingresso in Basilica, il Re, la Regina, la Merkel e Conte hanno salutato gli ospiti presenti, tra cui Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo, Claudio Sgaraglia, Prefetto di Perugia, e Marini e Proietti.

Il programma della giornata prevede intorno a mezzogiorno la consegna della Lampada della Pace: dopo un breve messaggio del Custode, Sua Maestà il Re di Giordania riceverà la lampada dal Custode accompagnato dal suono delle chiarine; seguirà il discorso del Re. Dopo la cerimonia di consegna, una breve visita della Basilica e della Tomba del Poverello d’Assisi. Intorno alle una e per circa un’ora, il Re e la Regina, Merkel e Conte incontreranno circa 300 giovani; l’incontro sarà moderato da Lucia Annunziata, direttore di Huffington Post, e Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera. Seguirà il pranzo con gli ospiti istituzionali, aperto dal saluto del cardinale Bassetti. Nel pomeriggio, la firma del libro delle presenze e consegna dei doni della comunità francescana agli ospiti.

Alle 15 circa, Merkel donerà ai frati di San Francesco un frammento del muro di Berlino che, costruito nel 1961, cadde quasi 30 anni dopo, nel 1989. Il frammento, decorato dai graffiti dell’artista tedesco S.H.E.K. all’inizio degli anni ‘60, è esposto nella piazza della basilica superiore di san Francesco, a testimonianza di un passato di guerra, divisioni, incomprensioni. Previsto anche un incontro bilaterale tra il Re di Giordania e Conte, al termine del quale gli ospiti firmeranno la bandiera della pace.


Leggi anche: Consegnata a Re Abdullah II Ibn Al Hussein la Lampada della Pace 2019 | I discorsi e l’Ave Maria a sorpresa di Bocelli

share

Commenti

Stampa