ARTE OSCENA A FOLIGNO: INTERVENTO DELL'ASSESSORE PICOLOTTI, TRA BUCCE DI BANANA, YOUPORN E "L'ESEMPIO DI PAPI " - Tuttoggi.info

ARTE OSCENA A FOLIGNO: INTERVENTO DELL'ASSESSORE PICOLOTTI, TRA BUCCE DI BANANA, YOUPORN E “L'ESEMPIO DI PAPI “

Redazione

ARTE OSCENA A FOLIGNO: INTERVENTO DELL'ASSESSORE PICOLOTTI, TRA BUCCE DI BANANA, YOUPORN E “L'ESEMPIO DI PAPI “

Dom, 31/01/2010 - 15:32

Condividi su:


Dunque non ci sbagliavamo quando scrivevamo che il dibattito sarebbe stato interessante. Arriva oggi in redazione la nota stampa dell'Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Foligno, Elisabetta Piccolotti, con la quale si fa il punto per la parte istituzionale, sull'argomento “arte ed oscenità”, lanciato dall'ormai famoso articolo “Merda, Cazzo, Figa, Culo”, pubblicato sul bimestrale “Grassetto”, a firma Emanuele De Donno e sulla conseguente presa di posizione su soldi pubblici e arte del Prof. Daniele Mantucci, Capogruppo del Pdl in Consiglio Comunale.

Tanto per andarci leggera, l'Assessora si lancia in una lista di comportamenti “rilevanti” da far invidia a qualunque studio sul tema del Prof. Umberto Eco (suo il recente “Vertigine della Lista”, Edizioni Bompiani). E con encomiabile ed efficace “soavità” passa dai Presidenti del Consiglio satrapi, alle studentesse che arrotondano online con il porno, dagli stupri ripresi con il telefonino alle lezioni dei politici sul sesso “brutto, sporco e cattivo”. Ma il capolavoro nel capolavoro, l'Assessora lo compie quando con diretta femminilità, alla “io sono mia” verrebbe da dire, lancia un monito a chi solo avesse immaginato chissà cosa fare con la famosa rappresentazione del dipinto di Courbet “L'origine del mondo” che tanto ha fatto commentare anche su TO®. ” Una vagina – walkirieggia la Piccolotti – non è un luogo dove infilare il proprio pene”! Alè! Una sola cosa però auspichiamo, come media interessato alla querelle. Ci siamo occupati da subito al dibattito con contributi che crediamo siano costruttivi, oltre che “informati”. Quando l'Assessora parla delle bucce di banana lanciate a bella posta, sappia che a TO® piacciono le arance… fanno più succo!

Ecco l'intervento dell'Assessore Piccolotti:

“Una parte della città è rimasta scandalizzata dalla pubblicazione sul foglio giovanile Grassetto di alcune immagini raffiguranti opere d'arte dedicate agli organi sessuali. Anche io non sono tra gli 'anestetizzati'. Ci sono molte cose che considero oscene e volgari, troppe che mi indignano e che provo ogni giorno a combattere.Una di queste è sicuramente l'erotizzazione totale' della società, questa 'sessualizzazione indotta', la violenza con cui il corpo femminile viene trattato materialmente e simbolicamente a fini commerciali e politici: corpi nudi nelle pubblicità, sbattuti in prima pagina nelle riviste patinate; Presidenti del Consiglio che insegnano agli adolescenti come diventare deputato o soubrette grazie alla propria vagina; Presidenti di Regione che svelano che il sesso è un gioco pericoloso fatto di soldi, ricatti, intrighi. Ragazzine che anelano ottimi voti per le loro natiche nei concorsi di bellezza, con tanto di patrocinio istituzionale e studentesse che si masturbano on-line per pagarsi gli studi. I giovani uomini reinventano lo stupro di gruppo, registrano le violenze con i telefonini, guardano milioni di video su “youporn”, equivalente porno di youtube. Dimenticano che il sesso è relazione, libertà, consapevolezza e imitano ciò che vedono tutto intorno: il sesso come possesso, potere, potenza. Il porno, l'oscenità e la volgarità, ha invaso la nostra vita pubblica. E' questo il pubblico decoro? E' questo ciò a cui come assessore alle politiche giovanili mi dovrei rassegnare? Penso che bisognerebbe raccontare ai giovani il nostro corpo non soltanto come un luogo di razzia e profitto, ma come spazio del piacere, del desiderio, dell'amore e dell'erotismo. Grassetto ha provato a farlo, in quella pagina una vagina non è un luogo dove infilare il proprio pene, ma è la sacra origine del mondo (“L'origine du monde” di Gustave Courbet, del 1866, esposta a Parigi nel visitatisssimo Musée D'Orsay), è l'origine di una riflessione che tratta i giovani come materia pensante e che fa pensare, invece che come l'oggetto preferito da additare alla pubblica criminalizzazione. Quando si prova a migliorarsi e a migliorare la società capita anche di inciampare, capita anche di finire sul tavolo di un bar, capita di fare anche qualcosa che apre un dibattito difficile come questo e che speriamo – come proposto da Grass – di svolgere in sede pubblica. Sui giornali di questi giorni nessuno si è chiesto cosa volesse dire quella pagina e a chi fosse rivolta. Al primo inciampo tutti hanno cominciato a seminare bucce di banana. Peccato, spesso penso che questo 'non è un paese per giovani'. Da parte mia continuerò a lavorare perchè lo diventi. Nemmeno un euro delle casse del comune di Foligno è stato speso e verrà speso nei prossimi due anni per produrre Grasseto. Il finanziamento, che ha portato nel nostro comune circa 150000 è il risultato di un bando regionale. Se le associazioni riunite in Grass non avessero partecipato e vinto , probabilmente non avremmo avuto nulla: né i laboratori, né il portale internet, né gli eventi dedicati ai giovani, né la campagna per la sicurezza stradale prevista dal progetto. Per tutto questo, per il lavoro volontario e appassionato che svolgono, grazie a tutti i ragazzi di Grass”.

Articoli precedenti:

UN PISELLO E QUATTRO VAGINE SPACCANO LA POLITICA DI FOLIGNO. MANTUCCI (PDL) ALL'ATTACCO DELLA GIUNTA: “QUELLA RIVISTA E' UNO SCANDALO”. QUANDO DANTE SCESE NELLE MALEBOLGE (Foto – Dì la tua)

ARTE OSCENA A FOLIGNO? LA RIVISTA”GRASSETTO” SI DIFENDE E SFIDA IL PDL DI MANTUCCI AD UN DIBATTITO PUBBLICO


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_foligno

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!